Sara Manfuso: “A 17 anni nell’androne di casa ho subito una violenza brutale”

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 Luglio 2019 10:49 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2019 10:49

Sara Manfuso

ROMA – “Il tema della violenza sulle donne lo sento mio, l’ho vissuto sulla mia pelle. Avevo diciassette anni, so che cosa voglia dire. Andavo al liceo, tornavo a casa da scuola e sotto casa trovai una persona. Nell’androne delle scale mi ha praticato violenza sessuale in maniera brutale. Faccio fatica ancora oggi a parlarne”: a raccontarlo, ai microfoni de I Lunatici su Rai Radio 2, è Sara Manfuso. 

L’opinionista ha spiegato le origini del suo interesse per i temi che riguardano i diritti delle donne rivelando la violenza subita a 17 anni: “Accadde in pieno giorno. Urlai, nell’androne del palazzo, ma non uscì nessuno. Nessuno venne a darmi aiuto. Una volta arrivata a casa, chiamai mia madre e mio padre, gli raccontai tutto e andammo a fare denuncia. Ma lui non è stato mai preso. Ho vissuto per molto tempo con grande paura, con ansia, difficoltà. Una cosa del genere non si mette mai davvero da parte. Ti accompagna e ti accompagna sempre. E’ un trauma che conservi dentro di te”.

Da allora, ha spiegato Manfuso, non si è mai sentita “veramente, fino in fondo, sicuro. Poi ci convivi, ma una cosa del genere non la superi mai. Non ne ho mai parlato perché non volevo che qualcuno potesse pensare che usassi in modo strumentale un mio fatto autobiografico. Oggi, che ho acquisito più sicurezza nella mia attività, sento di poterne parlare. Le indagini? Il mio violentatore non è mai stato arrestato. Sono stata più volte chiamata a vedere foto segnaletiche ma lui non è mai stato rintracciato. Io ero una ragazzina che tornava a casa da scuola. Una delle ferite che hanno aggravato il mio senso di dolore è che nessuno dei miei vicini abbia provato ad aiutarmi. Ho provato per loro un sentimento di odio”.

Lei, comunque, al momento va avanti con il suo lavoro: “Sto lavorando a diversi progetti. La cosa che mi più mi sta divertendo è la scoperta di una persona, un politico, che è uno showman. Simone Baldelli, ex vicepresidente della Camera, attualmente parlamentare. E’ un grande cantante e un grande imitatore, stiamo lavorando insieme a uno spettacolo. Lui già in passato lo ha fatto e poi ha devoluto i ricavati dello spettacolo per scopi benefici. In questo caso i soldi ricavati andranno alle donne vittime di violenza, un tema che a me sta particolarmente a cuore”. (Fonte: I Lunatici)