Sarah Scazzi, l’avvocato di Michele: “Non lo capisco più, potrei lasciare”

Pubblicato il 28 Gennaio 2011 16:46 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2011 16:46

Michele Misseri

Michele Misseri ha spiazzato tutti con quelle lettere indirizzate alle figlie, soprattutto quella per Sabrina in cui scrive di “aver accusato un’innocente”. Una versione che ribalterebbe tutte le indagini sulla morte di Sarah Scazzi e che nemmeno l’avvocato di “zio Michele”, Daniele Galoppa, conosceva.

Non stupisce quindi che il legale minacci di lasciare la difesa di Michele Misseri, in carcere da ottobre come assassino reo confesso della nipote. “Ero all’oscuro delle lettere scritte dal mio cliente alle figlie Sabrina e Valentina – dice l’avvocato -. Soprattutto ero all’oscuro del tenore di quelle lettere. Non comprendo la condotta del mio cliente. Potrei decidere di andarmene”.

Dopo queste dichiarazioni, Galoppa ha incontrato il suo assistito nel carcere di Taranto. Un incontro chiarificatore? Non si sa, perché nulla è trapelato riguardo cosa si siano detti.