La mamma di Sarah Scazzi: “La sua morte resta un segreto tra Cosima e Sabrina”

Pubblicato il 7 settembre 2012 15:27 | Ultimo aggiornamento: 7 settembre 2012 16:09

BARI – ”La morte di Sarah è un segreto che si porteranno sempre dentro Cosima e Sabrina”. Queste alcune delle parole di Concetta Serrano, madre di Sarah Scazzi, raccolte dall’inviato di Quarto Grado e in onda venerdì sera su Retequattro alle 21.10. ”Quel 26 agosto – racconta Concetta Serrano parlando con l’intervistatore del giorno della scomparsa della figlia quindicenne – ho avuto l’impressione che a Sarah fosse accaduto qualcosa di grave, ma non sapevo di preciso cosa. Mai avrei immaginato nulla del genere”.

”Mia figlia – afferma la donna – è stata vittima della cattiveria di Sabrina e Cosima. Il fatto che mia sorella, insieme alla figlia, abbiano rincorso Sarah, mi fa pensare a qualcosa di più squallido della gelosia. Secondo me oltre a quello ci sono altre cose”. ”In questi mesi – continua Concetta Serrano – non ho mai avuto il desiderio di parlare con loro semplicemente perché tanto, vigliaccamente, non si assumono le loro responsabilità dicendo la verità. Continueranno sempre con quella versione all’infinito. E’ una pugnalata quando mi guardano con quegli occhi indemoniati e pieni di scherno. Mi sento tradita e penso che un tempo erano altre persone”.

”Non so se ci sia ancora poco o molto da scoprire sull’omicidio di mia figlia. L’importante – dice ancora la donna – è che si arrivi alla verità. Questo è un segreto che si portano dentro Cosima e Sabrina e non so come facciano a sopportare questo peso atroce sulla coscienza, ammesso che ne abbiano una”.

La donna conclude parlando del processo e del suo stato d’animo quando si trova in aula: ”Quando sono in aula – racconta – mi sembra di perdere il contatto con la realtà. In questi mesi ho assistito alle udienze e sono rimasta profondamente turbata. Mi sembra un processo assurdo, tant’è che spesso mi pongo degli interrogativi e dico: ma questo processo perché si svolge? A chi serve? Chi se ne avvantaggia? La vittima? Non direi proprio”. ”Se la giustizia deve rendere a ciascuno il suo – conclude Concetta Serrano – a Sarah cosa verrà corrisposto?”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other