Sarah Scazzi, la biologa: “L’orario della morte va posticipato di circa due ore”

Pubblicato il 25 settembre 2012 13:33 | Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2012 15:00

Il funerale di Sarah (Foto Lapresse)

TARANTO – L’orario della morte di Sarah Scazzi andrebbe posticipato di un’ora e mezza-due ore. E quindi indicato tra le 15.30-16.00 e non fissato alle 14-14.10, come stabilito dalla Procura. Lo ha affermato al processo per l’omicidio di Sarah Scazzi la biologa Valeria Scazzeri, che ha eseguito una perizia di parte, affidatale dall’avvocato Raffaele Missere, difensore di Cosimo Cosma, in relazione alla durata della digestione delle vittima, prima che venisse uccisa. Cosimo Cosma è nipote di Michele Misseri ed è accusato, insieme allo stesso e al fratello di zio Michele, di soppressione di cadavere. Sarah, il 26 agosto 2010, prima di raggiungere casa della cugina Sabrina Misseri, mangiò nella propria abitazione in tutta fretta un cordon bleu.

Secondo quanto asserito dalla biologa, per digerire l’alimento la ragazzina avrebbe dovuto impiegare 90-120 minuti, e non e’ possibile che lo abbia digerito in 30-40 minuti come affermato dal medico legale Luigi Strada nella perizia autoptica disposta dalla Procura. Nel corpo di Sarah in avanzato stato di decomposizione vennero rinvenuti, secondo la perizia autoptica, solo 20 cc di liquido grigiastro, forse derivante dalla putrefazione di una mucosa, mentre la biologa ha contestato l’assenza dell’esame dell’intestino della vittima da parte del medico legale. Secondo la biologa, se al momento di ingerire il cordon blue l’intestino di Sarah era completamente libero, per digerirlo completamente sarebbero potute occorrere anche 6-7 ore dal momento dell’ ingestione. I pm hanno consegnato alla corte una nota aggiuntiva di relazione del professor Strada e non e’ escluso che la corte decida di riascoltare il medico legale in aula in una udienza successiva.