Sarah Scazzi: Sabrina nascose per alcuni giorni il diario della cugina

Pubblicato il 28 Ottobre 2010 16:52 | Ultimo aggiornamento: 28 Ottobre 2010 17:38

Sabrina Misseri trovò in casa della cugina Sarah, scomparsa poche ore prima, un suo diario, ma non lo consegnò subito agli investigatori, conservandolo per alcuni giorni prima di darlo ai carabinieri della Stazione di Avetrana. La circostanza emerge indirettamente da interrogatori di persone informate sui fatti sentite dai carabinieri nel corso delle indagini.

Il ritrovamento del diario risalirebbe al 27 agosto e si tratterebbe del diario nel quale Sarah parla anche della sua amicizia per Ivano Russo che rasentava l’affetto nonostante la notevole differenza di età (lei aveva 15 anni, lui ne ha 27). Sabrina avrebbe inviato un sms a Ivano dicendogli del diario e riferendogli che lo avrebbe tenuto con se’ per evitare che le indagini sulla scomparsa di Sarah potessero puntare proprio sul giovane. Il diario venne poi effettivamente consegnato ai carabinieri qualche giorno dopo.

Nel pomeriggio di giovedì Concetta Serrano Spagnolo, madre di Sarah, è arrivata negli uffici della procura di Taranto, al terzo piano del Palazzo di giustizia, per un colloquio con i magistrati. Non si conoscono i motivi per i quali gli inquirenti hanno deciso di parlare con la madre della quindicenne.

Negli ultimi giorni la mamma di Sarah, nel corso di interviste, ha ribadito la convinzione che la nipote Sabrina Misseri stia mentendo e che continuerà a mentire. Sabrina è in carcere con l’accusa di sequestro di persona e concorso nell’omicidio di Sarah che sarebbe stata strangolata dal papà di Sabrina, Michele Misseri, anche lui detenuto.

[gmap]