Sarah, il supertestimone e il giallo della macchina

Pubblicato il 6 Ottobre 2010 9:39 | Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre 2010 9:39

Sarah Scazzi

Una macchina procedeva a passo d’uomo in via Sanzio, la strada dove Sarah è scomparsa alle 14,30 del 26 agosto. Una macchina che, per la sua andatura, ha colpito l’attenzione di un uomo che aveva appena parcheggiato in via Pirandello, poco distante. E’ lui il supertestimone ascoltato in procura e sulla sua versione gli investigatori stanno lavorando in queste ore.

Alla guida ha visto un uomo e poco dopo ricorda che la stessa macchina procedeva in direzione opposta ma stavolta a tutta velocità. Gli inquirenti stanno ora restringendo il cerchio intorno ad alcuni sospettati. Intanto da ieri sarebbe stato appurato che il cellulare della ragazza è stato messo nel campo dove è stato trovato per depistare le indagini. E far cadere i sospetti sullo zio di Sarah, Michele Misseri, che infatti lo ha ritrovato la scorsa settimana.