Sassari. 100 migranti barricati sui pullman: no agriturismo, vogliono stare in città

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Giugno 2015 15:48 | Ultimo aggiornamento: 9 Giugno 2015 15:48
Sassari. 100 migranti barricati sui pullman: no agriturismo, vogliono stare in città

Sassari. 100 migranti barricati sui pullman: no agriturismo, vogliono stare in città

SASSARI – Cento migranti barricati sui pullman. Da ore, sotto il sole cocente. Cento migranti diretti da Alghero a Palmadula in un agriturismo con tv e connessione web. Ma da quei pullman non vogliono scendere. La  destinazione non è gradita perché lontana da una  città più grande dove invece i migranti vorrebbero stare.

E così, nel pomeriggio di martedì 9 giugno prosegue sotto il sole a Palmadula, la borgata del comune di Sassari, la trattativa ad oltranza fra il centinaio di migranti, che hanno dato vita a una rivolta dopo essere stati trasferiti dal Centro di accoglienza di Santa Maria La Palma (Alghero), e i funzionari della questura e della prefettura che cercano di convincerli a prendere posto in una struttura privata (un agriturismo) individuata in accordo con il Comune. La maggior parte dei migranti ha deciso di non scendere dai due pullman e chiede di essere trasferita nei pressi di un centro abitato più grosso.

“Non si rendono conto – spiega il portavoce della questura, Paolo Meloni – che qui a Palmadula potrebbero stare meglio rispetto al posto in cui si trovavano prima. Prefetto e questore stanno cercando di spiegarglielo. Una quarantina di loro è stato convinto dalla fame e dal caldo a scendere dai pullman, ora dovremo riuscire a convincere anche gli altri”.

I migranti sono stati trasferiti durante la notte in una struttura nelle campagne di Palmadula, frazione del capoluogo, ma una volta giunti a destinazione e scoperto che erano stati portati in aperta campagna, hanno dato vita alla rivolta. Per convincere i richiedenti asilo a scendere dai pullman, sul posto a trattare con il prefetto Salvatore Mulas e il questore Pasquale Errico anche il sindaco di Sassari Nicola Sanna. “Nell’agriturismo, una struttura a due piani, sono presenti nove bagni e in serata – è stato promesso ai migranti – verrà piazzata una cucina che verrà messa a disposizione, verranno portate delle tv e installate delle connessioni internet. Chissà che questo – ha aggiunto il portavoce – non li convinca ad accettare l’accoglienza che per ora rifiutano”.