Mattanza all’ippodromo di Sassari: uccisi 7 cavalli purosangue

Pubblicato il 12 novembre 2010 19:06 | Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2010 19:38

Orrore e sangue all’ippodromo di Sassari. Sette cavalli da corsa sono stati uccisi durante la notte tra giovedì e venerdì all’interno delle scuderie dell’impianto che si trova alle porte della città. Una mattanza senza spiegazioni e senza precedenti. Nel mirino dei malviventi, che secondo gli inquirenti avrebbero agito tra la mezzanotte e l’una, Salvatore Pili, allevatore di 46 anni di Gavoi (Nuoro), proprietario di sei dei sette purosangue uccisi.

Il settimo cavallo è invece di proprietà di Francesco Cottu, un commerciante di Ollolai (Nuoro). Il suo purosangue sarebbe stato ucciso per sbaglio, perchè si trovava in un box contiguo a quelli di Pili. Stamattina, poco dopo le 8, sono stati i dipendenti dell’ippodromo a fare la scoperta e ad avvisare i Carabinieri. Secondo i primi rilievi, tutti i cavalli sarebbero stati colpiti alla fronte con una pistola calibro 22. Un colpo solo per ogni cavallo, sparato da persone esperte che sapevano bene come muoversi. Nella zona delle scuderie non esiste un impianto di video sorveglianza e la vigilanza notturna si limita al controllo dall’esterno della struttura.

Secondo gli investigatori della compagnia di Sassari i malviventi sarebbero stati almeno due. Dopo aver rotto i lucchetti dei box con un martello, hanno costruito un cappio che hanno utilizzato per bloccare la testa dei purosangue. Poi, in rapida successione, hanno fatto fuoco per sette volte e subito dopo sono spariti. Nessuno ha sentito nè visto niente. Stamattina sul posto, insieme ai militari della compagnia di Sassari, sono intervenuti gli esperti della Sezione Investigazioni Scientifiche del comando provinciale. Nei prossimi giorni, su disposizione del sostituto procuratore Giovanni Porcheddu, saranno eseguiti gli esami autoptici dai veterinari dell’Istituto Zooprofilattico di Sassari per recuperare i proiettili utilizzati per la mattanza.

Dall’esame balistico si potrebbe risalire all’arma usata dai malviventi. Dietro il gesto crudele si nasconderebbe la gelosia nei confronti di Salvatore Pili: la voglia di vendetta per le troppe vittorie accumulate dai suoi cavalli nelle corse al galoppo in Sardegna e nella Penisola. Ma non si esclude una ritorsione per uno sgarro avvenuto anche al di fuori dell’ambiente ippico. L’imprenditore di Gavoi, che in questi giorni si trova a Milano proprio per partecipare a un’asta di purosangue, possedeva in tutto dieci cavalli, tutti ospitati nell’ippodromo di Sassari.

5 x 1000

L’uomo è il titolare di una delle migliori scuderie dell’Isola. Tra i sette animali ammazzati c’è anche Depp, un cavallo che in carriera aveva accumulato premi per 100 mila euro. Unanime la condanna, dall’assessore regionale dell’Agricoltura al sindaco e al presidente della Provincia di Sassari, mentre il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, parla di ”una gravissima mattanza”. Intanto l’Unire (Unione nazionale incremento razze equine) ha annunciato che si costituira’ parte civile una volta individuati i responsabili.