Savignano sul Panaro, Licia Sighinolfi muore nel suo letto a 15 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 giugno 2018 14:27 | Ultimo aggiornamento: 19 giugno 2018 14:27
Licia Sighinolfi morta nel suo letto a Savignano sul Panaro: aveva 15 anni

Savignano sul Panaro, Licia Sighinolfi muore nel suo letto a 15 anni (Foto Facebook)

MODENA – Ha cercato di svegliare la figlia di 15 anni che giaceva sul letto, ma per la giovane non c’era nulla da fare: era stata stroncata da un malore. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Licia Sighinolfi è stata trovata morta dalla madre proprio nel suo letto nella casa di Savignano sul Panaro, in provincia di Modena. Inutili i soccorsi e i tentativi di rianimarla sul posto, la ragazzina era già deceduta. La Procura di Modena ora ha aperto una inchiesta sulla sua morte e disposto tutti gli accertamenti del caso.

La giovanissima Licia frequentava il liceo classico Allegretti di Vignola e come ogni giorno la mamma era entrata nella sua stanza per svegliarla, ma la ragazzina non rispondeva. Probabilmente, a stroncare Licia è stato un malore mentre dormiva, dunque una morte naturale. La comunità di Savignano sul Panaro è sconvolta per la perdita di Licia, una ragazza sensibile e sportiva, che praticava nuoto e atletica, e il sindaco Germano Caroli ha dichiarato:

“A fronte di una tragedia di tale portata non vi sono parole che possano esprimere il dolore e lo sgomento della nostra comunità per il decesso di Licia Sighinolfi, una giovanissima ragazza che aveva dinanzi a sé una vita intera. Tutto il personale dell’amministrazione comunale si associa in un abbraccio ai famigliari con i quali forte è il legame per ragioni professionali e per l’impegno di questi nel volontariato”.

Il sindaco Caroli ha anche voluto rivolgere una raccomandazione alla sorella minore di Licia:

“Fatti forza, questa è una situazione dolorosa da affrontare, ma tu che sei vicesindaco del Consiglio comunale dei Ragazzi hai la forza necessaria e puoi confidare sull’appoggio dei tuoi amici di scuola, che ti hanno riconosciuta loro rappresentante, e il mio personale”.