Scacchi, 4 noti campioni squalificati: risultati truccati, partite comprate

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 novembre 2017 6:30 | Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2017 21:01
scacchi-torneo

Foto Ansa

MONTEBELLUNA – Partite di scacchi comprate e vendute, risultati combinati in anticipo. Di queste accuse si è dovuta occupare la giustizia sportiva, che al termine di un vero e proprio processo, ha sanzionato quattro campioni del ‘Gioco dei Re’. Si tratta di tre italiani molto conosciuti nel panorama scacchistico nazionale e di un grande maestro russo.

Le sanzioni vanno dalla semplice deplorazione ai sette mesi di sospensione. Il torneo incriminato si è svolto a Montebelluna, in Veneto, ai primi dell’anno. Gli scacchi sono soggetti alla magistratura sportiva perché la federazione italiana è associata al Coni.

Per il torneo di Montebelluna è stata riconosciuta la colpevolezza solo del giocatore russo, incolpato per avere tentato di coinvolgere un avversario nella manipolazione “dietro corrispettivo” del risultato di una partita.