Schettino all’Isola dei Famosi, il “mediatore” Francesco Pepe: “Sapeva tutto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 febbraio 2015 10:40 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2015 10:40
Schettino all'Isola dei Famosi, il "mediatore" Francesco Pepe: "Sapeva tutto"

Francesco Schettino (Foto Lapresse)

ROMA – Francesco Schettino sapeva del contatto e delle trattative con i finti emissari de “L’Isola dei Famosi” (in realtà inviati delle “Iene”) per la sua partecipazione al programma di Canale 5. A dirlo è Francesco Pepe, figlio di Daniele, l’ex avvocato difensore del comandante della Costa Concordia, che ha lasciato l’incarico proprio dopo la vicenda “Isola dei Famosi”. Pepe junior ha ribadito che Schettino aveva chiesto, per partecipare, 2 milioni, alzando poi il cachet.

In una nota Francesco Pepe scrive:

“Ho appreso della nota diffusa dal comandante Schettino sulla trattativa per una sua possibile partecipazione all’Isola dei Famosi. Sono molto amareggiato del fatto che, evidentemente per tutelarsi, abbia tentato di infangare la mia persona, mi fa sorridere il presunto mistero sull’identità della persona che ha seguito la trattativa (lui stesso, con il volto oscurato alle telecamere, ndr): è noto a tutti che sia sempre stato io a seguire i rapporti con la stampa e le trattative con i media con il totale appoggio e l’autorizzazione del comandante, ovviamente, sempre preventivamente e successivamente informato di tutto. Ho difeso e consigliato il comandante nel corso di tutti questi anni, ma non accetto in modo categorico che si cerchi di gettare discredito sulla mia persona per motivazioni a me ignote. Spero che l’equivoco finisca qui, in caso contrario, sarò costretto a smentire, con i fatti, le bugie sul mio conto”.

Schettino, invece, smentisce: “Non esiste alcun mandato, né scritto né in altra forma, a Francesco Pepe a rappresentarmi in alcuna trattativa e lo sfido a dimostrarlo”, ha detto l’ex comandante della Concordia sugli sviluppi della vicenda portata alla luce dal servizio delle Iene sulla trattativa tra una persona presentatasi come manager del reality L’Isola dei Famosi e Francesco Pepe, presentatosi come “procuratore” di Schettino.

“Anzi, quando mi fu detto che c’era la possibilità di partecipare all‘Isola dei Famosi io chiesi di procedere esclusivamente per verificare chi fossero questi interlocutori. A quel punto chiesi io che venisse formulata tale proposta per poter poi affermare, carta alla mano, che intendevo dire di no, che non avrei accettato qualsiasi cifra. Ma quella proposta non è mai arrivata e non poteva arrivare, vista come si è svolta quella surreale trattativa mai autorizzata, che non poteva essere tale anche perché non mi risulta che Francesco Pepe abbia titoli professionali per poterla condurre. Lui non ha capito la gravità di ciò che ha fatto, a cominciare dall’induzione nei confronti delle Iene a compiere un reato, quello di evasione fiscale, quando ha detto che il pagamento poteva essere fatto in Brasile. Quanto alla rinuncia dell’avvocato Domenico Pepe, che sulla vicenda di quella presunta trattativa ricordo che ha dato una versione diversa dal figlio, preciso che alcune ore prima che rendesse nota la sua rinuncia alla mia difesa gli avevo già inviato per email la mia revoca ad assistermi”.