Sciopero trasporti Roma 1 ottobre 2014 Atac: orari e fasce di garanzia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 settembre 2014 8:24 | Ultimo aggiornamento: 26 settembre 2014 8:24
Sciopero trasporti Roma 1 ottobre 2014 Atac: orari e fasce di garanzia

Sciopero dei mezzi a Roma

ROMA – Nuovo sciopero dei mezzi pubblici a Roma previsto per mercoledì 1 ottobre 2014. I lavoratori del trasporto pubblico Atac di Roma, incroceranno le braccia per 24 ore e questa volta però lo faranno non solo per motivi contrattuali ma anche quelli legati alla sicurezza.

Cresce il malcontento per le condizioni relative alla sicurezza. Oltre al caso delle donna autista aggredita da alcuni nordafricani, vi è un altro caso simile: bus rotti, vetri spaccati, sassi tirati ed un’altra autista che ha vissuto momenti di panico.

La sigla sindacale Usb ha affermato:

“Due nuovi episodi nell’ultimo fine settimana, l’aggressione in strada ad una autista dell’Atac nella zona di Corcolle sabato e ronde organizzate da Forza Nuova e sgherri dell’ex- sindaco Alemanno nella stessa zona con aggressione e pestaggio di giovani migranti. I giornali hanno riportato la prima notizia, dove si evidenzia che gli autisti sono lasciati soli a coprire il disservizio sempre più pesante dell’azienda. Ma la seconda notizia, la caccia all’africano che si è scatenata nella giornata di ieri nella zona di Corcolle, dove due ragazzi sono stati massacrati di botte solo perché riconosciuti di pelle diversamente colorata, è la conseguente conclusione di una vicenda inquietante”.

L’Usb spiega le principali motivazioni della protesta:

“Da una parte la garanzia di sicurezza per chi lavora, che non può essere individuato come il responsabile di una situazione che non ha contribuito a creare; dall’altro lato la lotta ai tagli che colpiscono tutti ma in particolar modo quella parte di popolazione che non ha altri mezzi per spostarsi. Il tema è: come mettere insieme l’esasperazione di chi vive le periferie con la rabbia degli autisti che contestano da tempo le politiche di Atac e del Comune sulla gestione della mobilità urbana?”

L’Usb conclude poi spiegando perché la scelta sia caduta proprio sul 1 ottobre:

“Quel giorno il sindaco Marino ha invitato a Roma i 28 sindaci delle capitali europee per discutere dei problemi delle città. Un’ottima occasione per mobilitarsi a sostegno di una periferia dimenticata e delle tante sofferenze che a Roma mettono insieme i lavoratori dei servizi e i cittadini”.