Scontri a Roma: minori ai domiciliari, hanno usato picconi e bombecarta

Pubblicato il 27 ottobre 2011 8:53 | Ultimo aggiornamento: 27 ottobre 2011 9:21

ROMA – I cinque minori finiti agli arresti domiciliari per gli scontri dello scorso 15 ottobre a Roma avevano lanciato sassi, bottiglie e bombe carta contro i contingenti delle forze dell'ordine e dopo aver dato alle fiamme alcuni cassonetti della spazzatura creando delle barricate, erano stati bloccati in via Merulana.

I cinque, di cui quattro di 16 anni e uno di 17, erano stati fermati assieme ad altri sei giovani, per i quali invece era scattato immediatamente l'arresto. Il gruppo era stato trovato in possesso di due maschere antigas, un manico di piccone con nastro adesivo come impugnatura e di numerosi volantini inneggianti alla rivoluzione.