Scuola, come cambia in 12 punti: mai più precari e si entra solo per concorso

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 settembre 2014 13:24 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2014 13:26
Scuola, come cambia in 12 punti: mai più precari e si entra solo per concorso

Matteo Renzi

ROMA – Mai più prof precari, scatti per merito e non più per anzianità. E i soldi (3 miliardi di euro) per assumere 150mila docenti nel 2015, che saranno messi a bilancio nella prossima Legge di Stabilità. Questo in estrema sintesi il progetto di riforma della scuola che il Governo Renzi intende mettere in campo.

Ecco le 12 Linee guida della riforma definita “La buona scuola”

MAI PIÙ PRECARI NELLA SCUOLA – Un piano straordinario per assumere 150 mila docenti a settembre 2015 e chiudere le Graduatorie a Esaurimento.

DAL 2016 SI ENTRA SOLO PER CONCORSO – 40 mila giovani qualificati nella scuola fra il 2016 e il 2019. D’ora in avanti si diventerà docenti di ruolo solo per concorso, come previsto dalla Costituzione. Mai più ‘liste d’attesa’ che durano decenni.

BASTA SUPPLENZE – Garantire alle scuole, grazie al Piano di assunzioni, un team stabile di docenti per coprire cattedre vacanti, tempo pieno e supplenze, dando agli studenti la continuità didattica a cui hanno diritto.

LA SCUOLA FA CARRIERA: QUALITÀ, VALUTAZIONE E MERITO – Scatti, si cambia: ogni 3 anni 2 prof su 3 avranno in busta paga 60 euro netti al mese in più grazie a una carriera che premierà qualità del lavoro in classe, formazione e contributo al miglioramento della scuola. Dal 2015 ogni scuola pubblicherà il proprio Rapporto di Autovalutazione e un progetto di miglioramento.

LA SCUOLA SI AGGIORNA: FORMAZIONE E INNOVAZIONE – Formazione continua obbligatoria mettendo al centro i docenti che fanno innovazione attraverso lo scambio fra pari. Per valorizzare i nuovi Don Milani, Montessori e Malaguzzi.

SCUOLA DI VETRO: DATI E PROFILI ONLINE – Online dal 2015 i dati di ogni scuola (budget, valutazione, progetti finanziati) e un registro nazionale dei docenti per aiutare i presidi a migliorare la propria squadra e l’offerta formativa.

SBLOCCA SCUOLA – Coinvolgimento di presidi, docenti, amministrativi e studenti per individuare le 100 procedure burocratiche più gravose per la scuola. Per abolirle tutte.

LA SCUOLA DIGITALE – Piani di co-investimento per portare a tutte le scuole la banda larga veloce e il wifi. Disegnare insieme i nuovi servizi digitali per la scuola, per aumentarne la trasparenza e diminuirne i costi.

CULTURA IN CORPORE SANO – Portare Musica e Sport nella scuola primaria e più Storia dell’Arte nelle secondarie, per scommettere sui punti di forza dell’Italia.

LE NUOVE ALFABETIZZAZIONI – Rafforzamento del piano formativo per le lingue straniere, a partire dai 6 anni. Competenze digitali: coding e pensiero computazionale nella primaria e piano “Digital Makers” nella secondaria. Diffusione dello studio dei principi dell’Economia in tutte le secondarie.

FONDATA SUL LAVORO – Alternanza Scuola-Lavoro obbligatoria negli ultimi 3 anni degli istituti tecnici e professionali per almeno 200 ore l’anno, estensione dell’impresa didattica, potenziamento delle esperienze di apprendistato sperimentale.

LA SCUOLA PER TUTTI, TUTTI PER LA SCUOLA – Stabilizzare il Fondo per il Miglioramento dell’Offerta Formativa (MOF), renderne trasparente l’utilizzo e legarlo agli obiettivi di miglioramento delle scuole. Attrarre risorse private (singoli cittadini, fondazioni, imprese), attraverso incentivi fiscali e semplificazioni burocratiche.