Preselezione, scritto, simulazione in classe: le tre prove del concorso per prof

Pubblicato il 28 agosto 2012 15:07 | Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2012 15:07
esami tfa docenti

Foto Lapresse

ROMA – Una pre-prova selettiva ad ottobre, scritto a gennaio e poi orali. Con tanto di simulazione di una lezione in aula. Queste le prove che i docenti che si candideranno al “concorsone” dovranno sostenere per diventare di ruolo. Nell’attesa del bando per i 23mila docenti, che uscirà il 24 settembre, si cominciano a definire i requisiti di ammissione per i candidati e le modalità delle prove.

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha spiegato le modalità del concorso. Dopo il test iniziale di ottobre, sarà svolta una seconda prova diversificata in funzione delle competenze e del settore. La terza prova, la simulazione in classe, servirà per valutare le capacità dello “stare insieme”del candidato. Profumo ha detto: “Una modalità nuova per individuare i nuovi docenti del nostro Paese”.

La selezione del concorso sarà aperta anche ai docenti abilitati all’insegnamento, in modo di consentire “alle persone di avere un doppio canale, quello delle graduatorie e quello del concorso”, ha spiegato Profumo. Sulla situazione dei 250mila precari “storici”, cio quelli che hanno già vinto un concorso e sono in graduatoria, il ministro ha spiegato che nella carriera di un docente vi sono 3 passaggi chiave: “uno è il momento della laurea, il secondo è quello dell’abilitazione, il terzo quello del concorso per ottenere un posto. Le persone che sono in graduatoria sono 180mila di cui 22mila varranno messi in ruolo. Questi rimarranno in graduatoria, ma avranno la possibilità di partecipare al concorso e se vincitori potranno accelerare l’ingresso nel mondo della scuola”.

Profumo ha poi concluso parlando del sistema nazionale di valutazione scolastica, che “è costituito da tre elementi. Invalsi, Indire e corpo ispettivo. Il processo potrà contare anche su un’autovalutazione delle scuole, basato su dati oggettivi messi a disposizione dal ministero, relativi alla logistica, caratteristiche della scuola, i suoi risultati. Successivamente ci sarà una valutazione dell’autovalutazione stessa, e saranno individuati quegli elementi per migliorare il sistema della scuola. La centralità naturalmente è lo studente. Bisogna offrire un servizio migliore agli studenti e alle loro famiglie”.