Scuola, flop chiamata diretta dei docenti. I presidi la boicottano: “Tempi troppo stretti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 agosto 2017 12:24 | Ultimo aggiornamento: 24 agosto 2017 12:24
Scuola, flop chiamata diretta dei docenti. I presidi la boicottano: "Tempi troppo stretti"

Scuola, flop chiamata diretta dei docenti. I presidi la boicottano: “Tempi troppo stretti”

ROMA – Scuola, flop chiamata diretta dei docenti. I presidi la boicottano: “Tempi troppo stretti”. “I sottoscritti dirigenti scolastici dichiarano la propria inerzia e quindi non procederanno alla chiamata diretta, lasciando che siano gli uffici scolastici territoriali a procedere alle assegnazioni dei docenti”. Questo l’inizio di una lettera di protesta inviata a luglio alla ministra dell’istruzione Valeria Fedeli da 426 dirigenti scolastici di tutta Italia. “Vogliamo essere dirigenti scolastici, non sceriffi – prosegue la lettera – né ufficiali sanitari né capri espiatori per le inadempienze degli enti locali relative alla sicurezza”.

Nel documento, i presidi spiegano che la protesta verrà attuata tra l’altro per chiedere un aumento del loro stipendio, al momento “non proporzionale al carico di lavoro e di responsabilità”, “anche in confronto con altre figure dirigenziali di pari livello all’interno del Miur e di altri ministeri e istituzioni”. Inoltre, per porre l’attenzione sulle “inadeguate condizioni di sicurezza delle scuole e per chiedere “l’istituzione di figure intermedie tra dirigente scolastico e docenti”. Segnalate anche segreterie scolastiche “al collasso” per la carenza di personale”.

A riassumere le motivazioni che hanno spinto gran parte dei presidi a lasciare l’assegnazione delle cattedre all’Ufficio scolastico, è Lena Gissi, segretario nazionale della Cisl Scuola. «Innanzitutto – spiega –, con questo metodo, a scegliere gli insegnanti non sono i presidi. Il dirigente scolastico, insieme al Collegio docenti, fa un bando inserendo i requisiti richiesti. Dopo, i professori mandano il curriculum per quella cattedra ma anche per tante altre. Sono loro a decidere perciò, alla fine, se insegneranno in quella scuola». I docenti devono candidarsi entro 24 ore, ma possono cambiare idea nei giorni successivi. Così, le scuole più deboli e meno appetibili si ritrovano costantemente senza insegnanti o con una sfilza di rinunce. (Paola Benedetta Manca, Quotidiano.net)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other