Scuola, fuga prof prima dello stop agli spostamenti: il 21 e 22 dicembre rischio classi scoperte

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 Dicembre 2020 16:28 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2020 16:30
Scuola, fuga prof prima dello stop agli spostamenti: il 21 e 22 dicembre rischio classi scoperte

Scuola, fuga prof prima dello stop agli spostamenti: il 21 e 22 dicembre rischio classi scoperte

Caos scuola a ridosso delle vacanze di Natale. A segnalare i disagi è Antonello Giannelli dell’Associazione nazionale presidi che al quotidiano Leggo parla del rischio fuga dei docenti al Sud.

Giannelli segnala la possibilità di migliaia di spostamenti nelle 48 ore che precederanno le festività. Tanti tra docenti e operatori scolastici fuori sede cercheranno infatti di raggiungere le proprie famiglie prima dello stop agli spostamenti previsto dal 21 dicembre. Il rischio è che quindi le scuole resteranno scoperte nelle giornate del 21 e 22 dicembre. 

“Doveva essere prevista una deroga per i docenti – dice Giannelli – per non far perdere lezioni agli studenti e per consentire al personale scolastico di tornare in famiglia”.

Ma a questo il governo non sembra aver pensato. Nelle scuole di Lombardia e Veneto sono migliaia i prof fuori sede, la maggior parte provenenti dal Sud e ora in procinto di tornare a casa dalle proprie famiglie.

Ma lo stesso accadrà anche negli istituti di Emilia Romagna e Toscana, così come nel Lazio. Secondo quanto testimoniato da alcuni presidi, diversi docenti hanno già chiesto un giorno di congedo per poter organizzare la partenza. In altri casi si sospettano giorni di malattia improvvisi.

I presidi che hanno l’organico sufficiente potrebbero riorganizzarsi con supplenze interne. Ma in molti casi le classi potrebbero restare scoperte. (Fonte: Leggo).