Anche Di Grusa sul treno dei precari della scuola in viaggio da Palermo a Roma

Pubblicato il 29 Agosto 2010 19:43 | Ultimo aggiornamento: 29 Agosto 2010 20:10

E’ partito all’alba, con il treno delle 5 diretto a Roma, anche il precario palermitamo della scuola, Pietro Di Grusa, che sabato 28 agosto è stato colto da malore e ha interrotto lo sciopero della fame. L’uomo, durante il periodo di astinenza dal cibo, aveva anche smesso di assumere i farmaci per il cuore.

 ”Ho deciso di continuare la protesta contro i tagli della riforma Gelmini – dice Di Grusa – in piazza Montecitorio, insieme ai colleghi palermitani Giacomo Russo e Caterinia Altamora, per ribadire che la nostra protesta non deve essere strumentalizzata né dai sindacati, né dai partiti”.

Intanto a Palermo continua la mobilitazione contro i tagli della riforma con il sit-in permanete allestito davanti la sede del provveditorato agli studi in via Praga, dove è arrivata una delegazione di precari della scuola di Catania. Per domani, invece, è prevista alle 16 un’assemblea aperta a cittadini ed esponenti del mondo politico e sindacale sul tema della scuola.