Scuola Roma, 9mila alunni senza aula. Alcune riaprono il 24 e non il 14

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Settembre 2020 14:10 | Ultimo aggiornamento: 9 Settembre 2020 14:10
Scuola Roma, 9mila alunni senza aula. Alcune riaprono il 24 e non il 14

Scuola Roma, 9mila alunni senza aula. Alcune riaprono il 24 e non il 14 (Foto Ansa)

A Roma ci sono ancora 9mila alunni senza aula in quanto mancano i banchi. E così alcuni istituti sono stati costretti a far slittare la ripartenza dal 14 al 24.

Per molti alunni a Roma la riapertura della scuola slitta dal 14 al 24 settembre. Questo perché in molti istituti mancano ancora i banchi nuovi per restare distanziati contro il coronavirus. Circa 9mila studenti sono ancora senza aula.

A soli 5 giorni dall’avvio dell’anno scolastico infatti una circolare apparsa sul sito della scuola ha informato i genitori dell’istituto comprensivo Fabiola a Monteverde che comprende 6 plessi – per un totale di 1.250 alunni – che i loro figli potranno tornare in classe solo il 24 settembre: ovvero con una settimana di ritardo rispetto alla data prevista.

“A seguito dell’avvio di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria nelle sedi di largo Ravizza, scuola Oberdan e di Trastevere, scuole Cesana-Bezzi-Parboni – si legge nella comunicazione – e di una intervenuta emergenza edilizia nella sede centrale di via Fabiola che ha comportato il temporaneo collocamento degli alunni della scuola media presso la sede della scuola primaria Franceschi, comunichiamo che l’apertura della scuola è positicipata al 24 settembre al fine di conseguire adeguati tempi per il ripristino delle misure igieniche e organizzative previste per l’avvio dell’anno in sicurezza”. 

Scuola roma? Non si tratta di un caso isolato

Come riporta Il Messaggero infatti anche l’istituto comprensivo Parco della Vittoria, che comprende la scuola primaria Leopardi e la secondaria Belli a piazza Mazzini, non riaprirà il 14 settembre. E ancora non c’è una data ufficiale. Motivo? Mancano banchi, docenti, collaboratori scolastici. 

In tanti istituti poi si parte a metà. Come nell’istituto comprensivo Renato Fucini di Montesacro dove i ragazzi delle classi II e III della scuola media faranno solo 3 ore al giorno. Alternandosi con i turni la mattina e il pomeriggio, mentre quelli di III, IV e V elementare addirittura andranno a scuola un giorno sì e uno no. (Fonte il Messaggero).