Scuole chiuse venerdì 2 marzo: elenco città per città

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 marzo 2018 14:10 | Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2018 17:00
Scuole chiuse venerdì 2 marzo: elenco città per città

Scuole chiuse venerdì 2 marzo: elenco città per città

ROMA – Ancora scuole chiuse causa maltempo venerdì 2 marzo, ecco l’elenco città per città in Italia.

Verona, scuole chiuse il 2 marzo

Scuole chiuse domani a Verona per i problemi causati dalla neve. Il sindaco Federico Sboarina, in considerazione delle avverse previsioni meteo e dell’elevato rischio gelicidio e ghiaccio anche durante il giorno, ha firmato l’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per la giornata di venerdì 2 marzo. Istituti chiusi anche in numerosi comuni delle provincia, non solo nelle zone montane come quelle della Lessinia e del Baldo, ma anche nelle aree est della provincia e nel sambonifacese.

Bologna, scuole chiuse il 2 marzo

Il sindaco di Bologna Virginio Merola ha deciso che domani, venerdì 2 marzo, sarà sospesa l’attività didattica in tutte le scuole di ogni ordine e grado e in tutti i servizi educativi pubblici e privati della città di Bologna. La decisione è stata assunta, sentita anche la Prefettura, sulla base dell’allerta meteo della Protezione Civile e delle previsioni meteorologiche fornite da Arpae che indicano a partire dalla serata l’alta probabilità di piogge gelate a causa del calo delle temperature che potrebbe innescare il rischio gelicidio.

Finora, a differenza di altre città della regione, come Ferrara, Ravenna, Rimini, Forlì e Cesena, le scuole nel capoluogo erano rimaste aperte. Resta inoltre in vigore l’ordinanza che vieta dalle 20 alle 9 la circolazione dei veicoli destinati al trasporto di merci con massa superiore a 7,5 tonnellate (compreso il transito dei trasporti e veicoli eccezionali), sull’intero sistema viario del Comune di Bologna.

Rovigo, scuole chiuse il 2 e 3 marzo

Il sindaco di Rovigo Massimo Bergamin ha firmato l’ordinanza per la chiusura delle scuole il 2 e 3 marzo a causa della neve. Il provvedimento, sottolinea il primo cittadino polesano, si è reso necessario per le eccezionali condizioni di maltempo in atto con previsione di possibili ulteriori abbondanti nevicate nei prossimi giorni che rendono difficoltoso, disagevole e pericoloso il transito veicolare e pedonale.