Sea Watch, la capitana fa sbarcare i migranti: rischia fino a 10 anni di carcere

di Alessandro Avico
Pubblicato il 29 Giugno 2019 11:09 | Ultimo aggiornamento: 29 Giugno 2019 13:40
Sea Watch, la capitana fa sbarcare i migranti: rischia fino a 10 anni ci carcere

Sea Watch, la capitana fa sbarcare i migranti: rischia fino a 10 anni di carcere

ROMA – La capitana della nave Sea Watch, Carola Rackete, è stata arrestata dopo aver attraccato con la nave al porto di Lampedusa senza aver atteso l’autorizzazione. Andrà ai domiciliari. La comandante è stata infatti arrestata in flagranza di reato per violazione dell’Articolo 1100 del codice della navigazione: resistenza o violenza contro nave da guerra, che prevede una pena dai tre a 10 anni di reclusione. A Carola Rackete potrebbe essere contestato anche il tentato naufragio della motovedetta della Guardia di Finanza, speronata dalla nave durante la manovra di attracco.

La comandante, arrestata in flagranza, ha indicato un’abitazione a Lampedusa come domicilio in cui scontare gli arresti. Entro 48 ore la Procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, dovrà chiedere al gip la convalida dell’arresto. Il giudice delle indagini preliminari ha altre 48 ore per fissare l’udienza, che si terrà ad Agrigento, in cui si dovrà decidere se convalidare o meno il provvedimento.

Secondo quanto si apprende, Carola Rackete non verrà processata per direttissima, ma il caso seguirà le vie ordinarie. Le accuse che i pm le rivolgono sono la violazione degli articoli 1100 del codice della navigazione, che sanziona con la pena massima di 10 anni chi fa violenza o resistenza a una nave da guerra, e il tentato naufragio, previsto dagli articoli 110 e 428 del codice penale, e sanzionato con la pena massima di 12 anni. La Procura, nelle prossime ore, valuterà anche se ci sono profili di reato nella condotta dell’equipaggio della nave. Nessuna responsabilità è invece configurabile per i parlamentari che sono a bordo della Sea Watch.

Comportamento criminale della comandante della Sea Watch, che ha messo a rischio la vita degli agenti della Guardia di Finanza. Ha fatto tutto questo con dei parlamentari a bordo tra cui l’ex ministro dei trasporti: incredibile”, dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Prima di attraccare, una motovedetta della Guardia di Finanza ha infatti tentato più volte di impedire l’ormeggio fino a quando si è dovuta sfilare per non rimanere incastrata fra la Sea Watch e la banchina. “Basta, dopo 16 giorni entriamo in porto“, ha scritto la ong su Twitter. La decisione “è stata presa dall’equipaggio” e non solo dalla capitana, ha precisato l’avvocato della Ong tedesca, Leonardo Marino, a Rai News 24. 

Sul molo, oltre all’esultanza è andato in scena uno scontro tra opposte fazioni: da una parte i sostenitori della ong che applaudivano, dall’altra un gruppo di lampedusani tra cui l’ex vicesindaco Angela Maraventano, che ha urlato e inveito contro i volontari dell’organizzazione. “E’ una vergogna – ha urlato Maraventano rivolta verso la nave – Qui non si può venire a fare quello che si vuole, non venite nelle nostra isola se no succede il finimondo”. E poi, “fate scendere i profughi – ha aggiunto rivolgendosi alle forze dell’ordine – e arrestateli tutti”.