Sea Watch, la nave a Lampedusa: “Chiediamo a Salvini di togliere il divieto”. Chiese protestanti: “Pronti ad ospitare i migranti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 maggio 2019 13:52 | Ultimo aggiornamento: 19 maggio 2019 19:31
Sea Watch, la nave a Lampedusa: "Chiediamo a Salvini di togliere il divieto" (foto Ansa)

Sea Watch, la nave a Lampedusa: “Chiediamo a Salvini di togliere il divieto” (foto Ansa)

ROMA – La Sea Watch, la nave della ong tedesca con a bordo 47 migranti, ha oltrepassato il limite delle acque territoriali italiane infrangendo il divieto del ministro dell’Interno. La nave ora si trova ora davanti al porto di Lampedusa.

“Il nostro comandante – aveva dichiarato Giorgia Linardi, portavoce di Sea Watch –  è stato in costante contatto con la guardia costiera e ha annunciato la volontà di entrare in acque territoriali italiani e dirigersi verso il porto di Lampedusa, ha anche chiesto la revoca del diniego di ingresso impostogli ieri mattina e questo per via delle reagione umanitarie a bordo che, stando alle valutazioni, supererebbero le valutazioni addotte nel diniego”. A stretto giro era arrivata la risposta del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Abbiamo fatto sbarcare malati e bambini, ma resta il divieto assoluto alla Sea Watch3 di entrare nelle nostre acque territoriali. Non cambiamo idea: porti chiusi per chi non rispetta le leggi, mette in pericolo delle vite, minaccia. Una Ong, peraltro straniera, non può decidere chi entra in Italia”. 

La nave ha poi deciso di oltrepassare il limite delle acque territoriali italiane e ora si trova davanti al porto di Lampedusa.

5 x 1000

“Abbiamo deciso di entrare nelle acque territoriali e fatto rotta verso Lampedusa in considerazione dell’aggravamento delle condizioni a bordo, dove alcuni migranti hanno manifestato anche l’intenzione di suicidarsi”, ha spiegato la portavoce di Sea Watch. “Prima di procedere siamo stati in contatto con la Guardia costiera informandoli della condizioni umanitaria e delle nostre intenzioni – prosegue – e abbiamo contestualmente inviato una richiesta di revoca del diniego di entrare nelle acque territoriali. Nessuna intenzione di violare le regole che abbiamo rispettato, ma le condizioni sono mutate e la nostra scelta è diventata obbligata: a giudizio anche del comandante la situazione venutasi a creare supera le motivazioni del diniego”.

“Mettiamo a disposizione le nostre strutture di accoglienza in Italia e le relazioni con le chiese sorelle d’Europa per approntare un piano di ricollocazione in Europa di una quota dei migranti soccorsi dalla Sea Watch”. Queste le parole del pastore Luca M. Negro, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia. “Accogliere i migranti in fuga dalle persecuzioni – continua – è dovere civile di ogni democrazia; ma per noi evangelici è anche un servizio al prossimo radicato nella tradizione biblica e un imperativo della nostra fede. Tutte le chiese che compongono la Fcei hanno solide relazioni con le loro sorelle in Europa, molte delle quali sono attivamente impegnate in programmi d’accoglienza dei migranti. Siamo convinti che la collaborazione tra governi nazionali, istituzioni europee e società civile sia essenziale per la costruzione di una politica di accoglienza efficace e rispettosa dei diritti umani”. 

Fonte: Ansa.