Vicenza, molotov e sassi lanciati contro la sede del Pd

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Aprile 2020 13:26 | Ultimo aggiornamento: 27 Aprile 2020 13:35
Sede Pd Vicenza, lancio di sassi e molotov: indaga la Digos

Sede Pd Vicenza, lancio di sassi e molotov: indaga la Digos (Foto ANSA)

VICENZA – Sassi e molotov sono stati lanciati contro la sede del Pd di Vicenza nel pomeriggio di domenica 26 aprile.

I sassi hanno infranto una finestra, mentre la bottiglia incendiaria ha annerito la parete esterna della sede.

Un biglietto firmato “uno dei tanti italiani” rivendica l’attacco, ma nega collegamenti con la festa del 25 aprile.

Nel biglietto sono elencati una serie di riferimenti a problematiche sociali.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Digos della questura di Vicenza. 

Il capogruppo del PD in Consiglio regionale, Stefano Fracasso condanna, ha condannato le azioni vandaliche commesse: “Un atto di viltà senza scusanti”.

Fracasso ha aggiunto: “In queste settimane il Partito Democratico vicentino si è messo al servizio della comunità, delle forze sociali, degli amministratori. Evidentemente agli stolti questo dà fastidio”.

L’auspicio di Fracasso “è che le forze dell’ordine e la magistratura trovino presto i responsabili”.

Anche Andrea Martella, sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, ha condannato “l’atto vile”: “La mia solidarietà a tutti gli iscritti e i simpatizzanti”.

Martella ha aggiunto: “Sono certo che dopo questo episodio danno ancora più forza al loro contributo democratico e di responsabilità”.

“Un contributo che è fondamentale per uscire da questa fase”, ha concluso il sottosegretario.

Il capogruppo del Pd alla Camera, Graziano Delrio, ha detto: “L’aggressione ai danni della sede del Pd di Vicenza, con sassi e molotov, è un atto gravissimo”.

Delrio ha espresso solidarietà alla sede Pd di Vicenza e chiesto che “le autorità facciamo luce quanto prima sulle responsabilità di questo gesto”. (Fonte: ANSA)