Sequestra la sua famiglia per riavere i soldi persi dalla moglie al gioco

*Stefano Petrelli
Pubblicato il 31 Marzo 2010 13:29 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2010 14:20

Si è barricato in casa prendendo in ostaggio i tre figli e l’anziana madre. Per liberarli chiedeva che le moglie gli consegnasse 400 mila euro in banconote da far passare sotto la porta. Così, un quarantenne di Paganica, in provincia dell’Aquila, pretendeva di ottenere la restituzione di una forte somma di denaro che la donna aveva perso giocando al Lotto.

Per risolvere la situazione sono dovuti intervenire 20 agenti del Nocs, il gruppo speciale della polizia addestrato in operazioni ad alto rischio.

L’uomo, titolare di alcune attività commerciali all’estero, da tempo aveva rapporti difficili con la moglie a causa della passione di quest’ultima per il gioco d’azzardo, che aveva originato dei dissesti al bilancio familiare e all’attività imprenditoriale. Le liti spesso erano sfociate in violenti alterchi e anche in maltrattamenti, tanto che la donna aveva denunciato in Questura qualche giorno fa un episodio di questo tipo. L’azione delle forze di polizia è durata circa 12 ore.

Più volte l’uomo ha tirato dalla finestra piatti e altri oggetti di casa. Per motivi precauzionali è stata subito sospesa l’erogazione del gas dell’abitazione e sul posto si è portato anche il sostituto procuratore della Repubblica Simonetta Ciccarelli che, dopo aver verificato la situazione, ha autorizzato l’intervento dei Nocs.

L’uomo è stato arrestato per sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia.

*Scuola di Giornalismo Luiss