Sicilia, migranti morti. “Li pregammo di sbarcarci. I libici tirarono dritto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Luglio 2014 12:29 | Ultimo aggiornamento: 1 Luglio 2014 12:29
Sicilia, migranti morti. "Li pregammo di sbarcarci. I libici tirarono dritto"

Sicilia, migranti morti. “Li pregammo di sbarcarci. I libici tirarono dritto”

ROMA – Sicilia, migranti morti. “Li pregammo di sbarcarci. I libici tirarono dritto”. “Trattati come bestie dai libici” che hanno compiuto “violenze inaudite nei confronti di tutti, ma in particolare degli uomini del Centro Africa”. E’ la ricostruzione concorde dei diversi testimoni ascoltati dalla squadra mobile e al vaglio della Procura di Ragusa sulla morte dei 30 migranti sul peschereccio che nave Grecale sta rimorchiando nel porto di Pozzallo. Tre le persone sentite anche amici e lontani parenti delle vittime, alcune delle quali hanno già un nome, anche se non ancora ufficialmente.

“Abbiamo provato a salvarli appena ci siamo resi conto di quello che stava accadendo – ricorda una di loro – abbiamo fatto di tutto ma purtroppo era tardi, sembrava dormissero, non pensavamo fossero morti…”. Tutti accusano i trafficanti libici: “è stata tutta colpa loro – ricostruisce un migrante testimone dell’accaduto – ci hanno messo li dentro come le bestie e non potevamo neanche uscire perché sopra era tutto pieno, non ci potevamo muovere”.   “Abbiamo chiesto di potere tornare indietro – ha rivelato un migrante sopravvissuto – perché eravamo troppi e rischiavamo, ma non c’è stato alcunché da fare: ci hanno detto ‘ormai siete qui e dobbiamo arrivare in Italia’”.