Sicurezza stradale/ in arrivo le nuove regole: alcol zero e bassa velocità per i neopatentati

Pubblicato il 30 aprile 2009 16:04 | Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2009 16:11

O bevi o guidi. È il messaggio di fondo delle nuove norme sulla sicurezza stradale, lanciato ieri dal deputato del Popolo della libertà Silvano Moffa, relatore del disegno di legge messo a punto dalla Commissione Trasporti della Camera.

Il testo prevede novità di rilievo. Innanzitutto introduce il tasso alcolemico zero per i neopatentati e per chi trasporta merci o persone: chi provocherà un incidente mortale dopo aver bevuto o assunto droga rischierà fino a 15 anni di carcere, oltre al ritiro della patente e al sequestro dell’automobile.

La riforma stabilisce poi limiti di velocità più severi per i principianti, prevede la possibilità di ottenere il foglio rosa a 17 anni (ma solo per chi è già in possesso della patente A) e introduce in via sperimentale la “scatola nera”, un dispositivo elettronico che consente di ricostruire la condotta di guida e la dinamica degli incidenti.

Il testo, che potrebbe diventare legge prima dell’estate, rende obbligatori i corsi sull’educazione stradale dall’anno scolastico 2010-2011: per questo, oltre che per l’ammodernamento della segnaletica e per l’aumento dei controlli, è stato creato un fondo speciale presso il ministero.
Tolleranza zero dunque, anzi sotto zero come è ormai regola e misura. Si inaspriscono le leggi e le pene ma restano “molli” e scarsi di numero i controlli su strada. Quindi forte è il rischio di molto, moltissimo fuco e poco o niente arrosto.

Daniele Palizzotto

(Scuola Superiore di Giornalismo Luiss Guido Carli)