Cronaca Italia

Sigarette elettroniche vietate in pubblico e zero pubblicità

Sigarette elettroniche vietate in pubblico e zero pubblicitàROMA – Torna il divieto di “svapare” nei luoghi pubblici. La stretta sulle sigarette elettroniche, da sottoporre agli stessi divieti su pubblicità e uso delle sigarette tradizionali, appare su una delle ultime bozze del milleproroghe.

Come spiega Il sole 24 Ore però, la norma, ancora in bilico visto che manca ancora un testo definitivo, potrebbe recuperarne una già contenuta nel vecchio decreto salva Roma, poi ritirato dal Governo, e che in buona sostanza estende i divieti previsti dalle norme anti fumo della legge Sirchia del 2003 (l’articolo 51) anche alle sigarette elettroniche.

Scrive il Sole 24 Ore:

I nuovi stop che rischiano di rendere più difficile la vita a chi consuma le e-cig, ma anche a chi le produce e le distribuisce, riguarda i prodotti succedanei di quelli da fumo a cui applicare le disposizioni già in vigore per i tabacchi lavorati. E quindi i divieti sia in materia d attività promozionale che di tutela della salute dei non fumatori. In pratica anche per le sigarette elettroniche scatterebbero gli altolà su pubblicità e uso nei luoghi pubblici.

Il nuovo intervento nel decreto milleproroghe, se confermato, sarebbe a questo punto solo l’ultimo di un lungo valzer di norme con continui cambi di direzione che dura da alcuni mesi. Quest’ultimo giro di vite di fatto abrogherebbe le norme del decreto Istruzione, approvato ai primi di novembre, che vietavano le e-cig solo nelle scuole e non negli altri locali pubblici. Il Dl Istruzione a sua volta aveva cancellato il divieto di utilizzo della sigaretta elettronica nei luoghi pubblici, introdotto a giugno con il decreto Lavoro. E che ora potrebbe tornare in pista con il milleproroghe.

 

To Top