Simone Brusarosco muore in incidente su A4: auto in panne travolta da altra auto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 novembre 2017 9:03 | Ultimo aggiornamento: 8 novembre 2017 9:03
incidente-brusarosco-a4

La scena dell’incidente in cui è morto Simone Brusarosco

BRESCIA – Simone Brusarosco, 25 anni, è morto sull’autostrada A4 travolto da un’auto all’altezza di Brescia. Il ragazzo 25enne, originario di Vicenza, si è fermato in mezzo alla carreggiata con l’auto in panne, quando un’altra auto che sopraggiungeva da dietro. L’impatto mortale è avvenuto tra i caselli di Brescia Est e Brescia Centro, in direzione di Milano. Simone era un cuoco ambizioso, sognava di fare lo chef.

Stando alla ricostruzione la Fiat 600 condotta dal vicentino, all’improvviso si sarebbe fermata, in panne, nel mezzo della carreggiata. La piccola auto è stata violentemente tamponata da una Volkswagen Golf: il conducente non ha potuto evitare l’impatto. Simone Brusarosco è quasi certamente morto sul colpo. Il corpo, incastrato tra le lamiere accartocciate, è stato estratto dai vigili del fuoco. Ferite le tre persone che viaggiavano sulla Golf, una è in gravi condizioni. Con prontezza di riflessi un camionista in transito ha posto il suo mezzo pesante di traverso sulla carreggiata così ha evitato il coinvolgimento di altri veicoli. L’autostrada è rimasta chiusa per oltre un’ora.

Aggiunge Mario Pari su Brescia Oggi:

Ora rimane difficile capire perchè la Fiat 600 del padre, su cui viaggiava, ha sbandato finendo addosso al guardrail e rimbalzando nella carreggiata. Forse un colpo di sonno, un attimo di stanchezza, un malore. Un istante sbagliato pagato al prezzo più alto: la vita. Le lesioni sono state riportate principalmente a livello toracico e cranico.

La scena che si è presentata ai soccorritori, con l’utilitaria ridotta ad un ammasso di lamiere, era terribile. Tutti hanno cercato di fare subito il possibile per salvare il giovane, con un lavoro enorme per i vigili del fuoco nel tentativo di estrarlo dalle lamiere. Tutto inutile. L’autostrada non è mai rimasta chiusa al traffico. Fino al mattino i poliziotti sono stati impegnati nei rilievi, mentre i vigili del fuoco si occupavano della rimozione dei veicoli massacrati dal terribile schianto.