Sofiya Melnyk, un gelato e lo scontrino sbagliato: gli indizi portano a Pascal Daniel Albanese

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 dicembre 2017 12:02 | Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2017 12:02
sofiya-melnik-pascal

Sofiya Melnyk, un gelato e lo scontrino sbagliato: gli indizi portano a Pascal Daniel Albanese

ROMA – Sofiya Melnyk, un gelato e lo scontrino sbagliato: gli indizi portano a Pascal Daniel Albanese. Un gelato e uno scontrino del bar, insieme all’auto filmata in direzione del luogo del delitto: le indagini sull’omicidio di Sofiya Melnik, la 43enne ucraina di Cornuda ritrovata cadavere in fondo a un dirupo all’altezza del 3/o tornante della strada che conduce sul Monte Grappa, sono a un punto di svolta.

Un gelato, quello scontrino sbagliato. La vita sentimentale della donna era occupata da tre uomini, l’unico indiziato è Pascal Daniel Albanese, di Onigo di Pederobba, poi morto suicida il 26 novembre: quando il 17 novembre – Sofiya era sparita nel nulla da pochi giorni – parla con gli inquirenti accenna alla decisione di prendere un gelato insieme alla donna.

E’ risultato da uno scontrino che Pascal avrebbe mentito sul bar dove effettivamente è stato consumato il gelato: un altro posto, proprio Onido dove abita, e non Cornuda come aveva dichiarato. Inoltre, una telecamera ha filmato l’auto di Sofiya in direzione del Grappa.

Poche ore dopo la bella 43enne, secondo gli investigatori, è già morta. Alle 20.19 dal suo cellulare parte un messaggio. È per l’amato medico, al quale disdice l’appuntamento a cena per la sera stessa: «Devo vedere un’amica che è in crisi. Bacioni». A scriverlo non sarebbe stata lei. «Non avrebbe mai usato quel termine: bacioni» spiegano le amiche agli investigatori… (Alberto Beltrame, Il Gazzettino)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other