Sondrio: guardiapesca a pesca in un giorno di divieto, sospeso dal servizio

Pubblicato il 8 Ottobre 2011 15:25 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2011 15:26

SONDRIO – Il capo dei guardiapesca di Valtellina e Valchiavenna, Giorgio Lanzi, 54 anni, residente a Piateda (Sondrio), che con tre suoi amici venne multato dagli agenti di Polizia Provinciale (ex guardiacaccia) perchè sorpresi a pescare in un lago di Piuro (Sondrio) in un giorno di divieto assoluto della pesca, è stato rimosso dall'incarico.

''Mi ero recato lassù per un sopralluogo dopo la segnalazione di pesca abusiva con esplosivo'', si era poi difeso Lanzi con i suoi superiori.

Ora il presidente dell'Unione Pesca Sportiva della provincia di Sondrio, Valter Bianchini, fa sapere che, una volta appreso del verbale a carico di Lanzi (per violazioni di natura amministrativa), ha deciso di sospenderlo subito e a tempo indeterminato dall'incarico di responsabile della vigilanza.

''In una prossima riunione – si legge in una nota diffusa alla stampa dall'Ups – il Comitato di gestione valuterà il caso, dando la possibilità a Lanzi di fornire la propria versione dei fatti, dopodichè la vicenda verrà definita in modo definitivo. Nel frattempo va specificato che Lanzi non si è opposto al provvedimento di sospensione''.