Sondrio: cade da un ponteggio, lo abbandonano ferito sulla strada. “Era in nero”

Pubblicato il 22 agosto 2012 21:53 | Ultimo aggiornamento: 22 agosto 2012 23:05

TALAMONA (SONDRIO) – “Ponto, 118? Accorrete, c’è un individuo accasciato a terra. Perde sangue” : è l’allarme lanciato da alcuni automobilisti di passaggio a Talamona, in provincia di Sondrio, dove un giovane marocchino è stato trovato ferito e abbandonato sul ciglio della strada.

I sanitari hanno quindi allertato i carabinieri della Compagnia di Sondrio: si indaga su un presunto episodio di caporalato. L’immigrato, con lesioni e traumi in particolare alle braccia, ha riferito di essere caduto da un ponteggio di un cantiere non molto distante dal luogo in cui è stato ritrovato, nel quale opera in subappalto un’impresa edile non valtellinese che lo ha assunto in nero. La vittima ha anche riferito di essere stato abbandonato ferito in mezzo alla strada. Senza cellulare e senza documenti.

Stando alle prime indagini si è accertato che l’extracomunitario è clandestino in Italia, già colpito qualche tempo fa da decreto di espulsione da Crotone, poi senza fissa dimora si è spostato a Bergamo e, infine, in Valtellina, accompagnato da alcuni connazionali. Ora l’indagine punta, innanzitutto, a individuare il cantiere nel quale è avvenuto l’incidente per scongiurare altri incidenti, che potrebbero essere fatali.