Coronavirus, paziente in fin di vita allo Spallanzani è negativo: rientra il caso sospetto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Febbraio 2020 15:36 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2020 19:29
Spallanzani, paziente straniero in fin di vita. Un primo morto in Italia da Coronavirus? Bisogna attendere test

L’Istituto Nazionale Malattie Infettive ‘Lazzaro Spallanzani’ di Roma (Ansa)

ROMA – Il paziente irlandese arrivato in fin di vita all’ospedale Spallanzani dopo una crociera con passeggeri cinesi è negativo al test per il Coronavirus. L’uomo che è stato ricoverato all’arrivo a Civitavecchia aveva sintomi sospetti, tanto che un bollettino medico della mattina del 3 febbraio aveva fatto pensare che potesse essere il primo morto per il virus cinese in Italia. Nel primo pomeriggio però lo Spallanzani in un nuovo bollettino rassicura: il turista irlandese ricoverato per una sospetta polmonite non ha contratto il tanto temuto virus.

Coronavirus, il caso sospetto in Italia

Ma l’uomo, da quanto è stato ricostruito, non dovrebbe avere le caratteristiche di “possibile caso” di coronavirus. Non presenterebbe le caratteristiche di caso sospetto di coronavirus sulla base delle indicazioni contenute nelle circolari ministeriali in merito. L’uomo era però a bordo della nave da crociera Msc Grandiosa attraccata alle 7,30 di ieri al porto di Civitavecchia. Proveniente da Genova e partita poi per Palermo, dove attualmente si trova, viaggia con oltre 6.000 passeggeri dei quali 371 di nazionalità cinese esaminati da personale dell’Usmaf (sanità marittima). Un motivo di apprensione resta perché, come si sa, il contagio può essere trasmesso anche da portatori sani che non manifestano sintomi.

“È ricoverato presso la struttura un paziente straniero, arrivato in tarda serata ieri in condizioni compromesse e attualmente si trova in rianimazione. Al paziente è stato somministrato anche il test per il nuovo Coronavirus. Si attendono i risultati che verranno comunicati non appena disponibili”. È quanto si legge nel bollettino medico dello Spallanzani diramato oggi. Il bollettino, va detto, è stato rimosso o comunque non è più visibile sul sito dell’Istituto. 

Il Bollettino della Direzione Sanitaria dello Spallanzani 3 febbraio 2020

Nel bollettino medico del 3 febbraio dell’ospedale Spallanzani si legge: “In questo momento sono ricoverati presso l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani 19 pazienti e sono tutti sotto osservazione. Di questi, 2 sono la coppia di coniugi cinesi positivi al test del nuovo coronavirus. Le loro condizioni generali di salute sono stazionarie: Entrambi presentano polmonite virale con interessamento alveolo interstiziale bilaterale. È ricoverato presso la struttura 1 paziente straniero, arrivato, in tarda serata di ieri, in condizioni compromesse e attualmente si trova in rianimazione. Al paziente è stato somministrato anche il test per il nuovo coronavirus”.

E ancora si legge: “Si attendono i risultati che verranno comunicati non appena disponibili. Sono 20 i pazienti ancora sotto osservazione presso l’Istituto Spallanzani che hanno avuto contatto con la coppia cinese positiva all’infezione da nuovo coronavirus. Le loro condizioni di salute sono buone e resteranno in quarantena fino al termine del periodo previsto dalle procedure. Sono invece già stati dimessi 20 pazienti dopo il risultato negativo dei test per la ricerca del nuovo coronavirus. Tra questi ci sono l’uomo di nazionalità rumena e la donna di nazionalità cinese residente a Frosinone. In caso di evoluzioni del quadro clinico o di nuovi test, verranno dati ulteriori aggiornamenti”.

Spallanzani: “Test negativo, non è Coronavirus”

A dare notizia dell’esito negativo è stato l’Assessorato alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio su comunicazione della Direzione Sanitaria dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani : “Ci è stato appena comunicato dal Laboratorio di virologia che il paziente straniero ricoverato nella serata di ieri presso l’Istituto Spallanzani è risultato negativo al test del nuovo coronavirus”.

(fonti Ansa, Ospedale Spallanzani)