Sparatoria Genova/ La polizia individua l’assassino di Ilir Krypi e i suoi quattro complici: due sono stati arrestati. Gli altri tre, tra cui l’uomo che ha sparato, sono ancora ricercati

Pubblicato il 20 Luglio 2009 17:50 | Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2009 19:01

A seguito dei serrati interrogatori, gli investigatori della squadra Mobile di Genova coordinati dal pm Biagio Mazzeo hanno individuato il commando di albanesi che ha partecipato all’uccisione di Ilir Krypi, l’albanese di 42 anni morto a causa di un colpo di pistola al volto: tra di loro, vi è l’uomo che ha sparato a Krypi. Il killer, era legato alla giovane donna che si trovava insieme alla vittima al momento dell’assassinio: all’origine dell’assassinio vi sarebbero i rapporti tra Krypi e la giovane donna. L’ambito in cui si muove la polizia è quello della prostituzione e dello spaccio di cocaina.

Tra i cinque del commando, sono stati eseguiti due fermi di polizia giudiziaria; sono due uomini albanesi di 24 e 38 anni, indiziati di concorso in omicidio volontario.  Le altre tre persone, tra cui l’autore materiale dell’omicidio, sono attualmente ricercate. I cinque albanesi avrebbero seguito a bordo di un’auto Krypi mentre si trovava in compagnia della ragazza, una romena che cercava attraverso l’aiuto dell’amico di emanciparsi dal controllo degli inseguitori. Giunti in via Milano i cinque sono scesi e hanno raggiunto la coppia. Dopo una breve discussione in albanese – che la ragazza non ha compreso – la vittima è stata immobilizzata da un connazionale mentre un secondo uomo ha estratto la pistola e ha sparato un colpo. Quindi la fuga.