Sparatoria a Genova, le figlie dell’omicida: “Così picchiava nostra madre”

Pubblicato il 10 Gennaio 2011 12:43 | Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2011 12:58

”Una volta ho visto mia mamma con un occhio nero e mi sono preoccupata. Le ho chiesto se fosse stato papà ma lei ha negato. Mi ha detto no, papà è bravo sono caduta dalle scale”: è quanto ha raccontato alla polizia Maria Pina Trabona, una delle figlie di Carlo Trabona, il muratore in pensione di 74 anni che nella mattina del 9 gennaio ha scatenato l’inferno nel quartiere di Molassana a Genova, uccidendo i due fratelli Loreto e Angelo Cavarretta, la moglie Antonina Scinta, togliendosi poi la vita.

Un episodio che sarebbe il culmine, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, di una lunga escalation di violenze domestiche, dovute principalmente alla falsa convinzione di Trabona che la moglie, la sua Nina, lo tradisse col dirimpettaio e amico, Loreto Cavarretta.

Questa mattina Maria Pina e Caterina Trabona sono andate a parlare col pm Vittorio Ranieri Miniati per chiedere quando sarà liberato l’appartamento di via Piacenza teatro di una parte della strage: è infatti sul ballatoio dell’appartamento che il muratore in pensione ha ucciso la moglie, sparandosi poi alla tempia.

Intanto gli agenti della squadra mobile di Genova hanno identificato il proprietario della pistola con cui Trabona ha sparato, che risulterebbe rubata nel 1979. L’uomo, di cui non sono state ancora diffuse le generalità, verrà sentito nelle prossime ore.

[gmap]