Stamina, Noemi potrà ricevere le cure del metodo Vannoni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Luglio 2014 12:20 | Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2014 12:21

 

Stamina, Noemi potrà ricevere le cure del metodo Vannoni

Stamina, Noemi potrà ricevere le cure del metodo Vannoni

CHIETI – A partire dal 25 luglio Noemi potrà cominciare le terapie con il metodo Stamina: per la bimba di Guardiagrele (Chieti) affetta da Sma1 il Tribunale dell’Aquila ha stabilito che la biologa Erica Molino, di “Stamina Foundation”, sarà capo dell’equipe incaricata di provvedere alle infusioni presso gli Spedali Civili di Brescia.

“Il pronunciamento del Tribunale permetterà alla piccola di ricevere cure per alimentare la speranza per lei e tanti altri bimbi – commenta Davide Vannoni, inventore del metodo Stamina – Noemi aspetta invano cure dal dicembre 2013, è peggiorata perché non ha mai fatto terapia. Finalmente potrà cominciare”. E’ di sette mesi fa, infatti, l’ordinanza con cui il Tribunale aquilano stabiliva il via libera all’accesso alle cure. Una decisione molto attesa, dopo che il giudice del lavoro solo pochi giorni prima, il 25 novembre, aveva negato la possibilità, preceduto a giugno da due no dei giudici di Chieti. Decisione che, tuttavia, finora non aveva avuto seguito.

E così questo è il sesto caso di interventi dei giudici successivi alla vicende giudiziarie di Davide Vannoni: prima l’ordinanza di Pesaro, seguita da quella di Venezia, due a Catania, una a Trapani e ora questa indicazione a L’Aquila. Noemi, due anni compiuti a fine maggio, è affetta da Sma1, Atrofia muscolare spinale, malattia genetica che progressivamente atrofizza i muscoli, riducendo la cassa toracica e impedendo ai polmoni di espandersi e quindi di respirare. Il 6 novembre scorso, insieme alla famiglia, fu ricevuta in Vaticano da Papa Francesco che poi invitò i fedeli in piazza San Pietro a pregare per lei. Un anno fa, il 30 luglio, una risoluzione bipartisan era stata approvata in Consiglio regionale d’Abruzzo per il diritto di tutti all’accesso al metodo Stamina, documento sul quale arrivarono richieste di informazioni da altre Regioni tra cui Lazio, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Per Noemi è nata l’Associazione progetto Noemi Onlus (progettonoemi.com).

Il padre Andrea si batte per ottenere per lei le cure compassionevoli possibili con l’accesso al metodo Stamina. Sull’ordinanza del Tribunale aquilano Vannoni aggiunge: “La nostra biologa ha accettato l’incarico e ora, con pieni poteri, dovrà organizzare l’equipe di medici per effettuare le infusioni, in tal senso speriamo che oltre al professor Andolina accettino questo compito altri medici. L’equipe farà valutazioni, prima e dopo le infusioni, su cosa deve essere corretto, una cosa mai fatta prima d’ora”. Per Vannoni “l’ordinanza del Tribunale dell’Aquila è esemplare, perché rimarca il diritto di giovani pazienti di accedere a queste cure come ultima speranza di vita”.