Stava per buttarsi nell’Adige: salvato, ma subito dopo gli viene un infarto

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Dicembre 2014 12:22 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2014 12:22
Stava per buttarsi nell'Adige: salvato, ma subito dopo gli viene un infarto

Stava per buttarsi nell’Adige: salvato, ma subito dopo gli viene un infarto

PADOVA – Lo hanno salvato pochi istanti prima che si buttasse nell’Adige, il fiume che divide le province di Padova e Rovigo. Ma durante la faticosa trattativa sull’argine del fiume, è stato colto da un infarto. E’ successo a Masi, in provincia di Padova. L’uomo un 50enne depresso, con alle spalle una difficile situazione lavorativa e personale, aveva lasciato una lettera ai suoi cari, annunciando i suoi insani propositi.

I familiari, conoscendo il profondo disagio che l’uomo stava vivendo, hanno immediatamente allertato i carabinieri che hanno cominciato a pattugliare le rive del fiume. Dopo numerose telefonate a vuoto, l’aspirante suicida ha risposto con la voce rotta dal pianto. I carabinieri lo hanno trovato a pochi passi dal ponte di Masi ed è cominciata la trattativa per dissuaderlo dai suoi intenti. Infine è stato bloccato con la forza, ed è a quel punto che è stato colto da un improvviso attacco cardiaco.

Immediato il ricovero in ospedale a Rovigo: l’uomo è ora fuori pericolo, ma sarà tenuto sotto stretta osservazione.