Stefano Cucchi: 2 anni al direttore dell’ufficio detenuti. A giudizio 12 tra medici, infermieri e guardie carcerarie

Pubblicato il 25 Gennaio 2011 12:11 | Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio 2011 12:20

Dodici rinvii a giudizio e una condanna: è questo l’esito dell’udienza preliminare per la morte di Stefano Cucchi avvenuta il 22 ottobre del 2009 all’ospedale Pertini di Roma. Il ragazzo è morto sei giorni dopo essere stato arrestato per droga.

Nel corso dell’udienza, svoltasi davanti davanti al Gup, è stato condannato a due anni un funzionario dell’amministrazione penitenziaria regionale, Claudio Marchiandi. Marchiandi, direttore dell’ufficio detenuti e del trattamento del provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria, aveva chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato.

I dodici rinviati a giudizio sono sei medici e tre infermieri dell’ospedale Pertini e tre guardie carcerarie. Sono accusati a vario titolo di lesioni e abuso di autorità, favoreggiamento, abbandono di incapace, abuso d’ufficio e falsità ideologica. Il processo inizierà il 24 marzo prossimo di fronte alla terza Corte d’Assise.