Strage di Latina, il fratello di Luigi Capasso: “Antonietta è stata mal consigliata”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 marzo 2018 14:51 | Ultimo aggiornamento: 3 marzo 2018 14:51
Luigi Capasso

Luigi Capasso

LATINA – “Ha sbagliato tanto, mio fratello ha avuto 15 minuti di blackout ma era una persona stupenda, sensibile. Stava male, si è sentito perso nella sua dignità di uomo. Non me lo aspettavo perché amava alla follia le sue figlie”. Ai microfoni di Quarto Grado parla Gennaro Capasso, fratello maggiore di Luigi, il carabiniere che ha ucciso le due figlie, Alessia e Martina, e ferito gravemente la moglie Antonietta prima di togliersi la vita.

Il fratello di Capasso poi cerca di chiarire: “Non giustifico mio fratello, mi ha tolto due principesse”.

Poi però torna a difendere il fratello sostenendo che “Antonietta è stata mal consigliata” e che “Luigi non accettava la separazione perché all’improvviso è stato messo in mezzo a una strada senza poter vedere le figlie”. Il fratello del carabiniere smentisce che Alessia e Martina fossero terrorizzate dal padre, come sostenuto da diversi testimoni: “Ma quando mai? Li vorrei vedere a uno a uno quelli che lo dicono”. Gennaro nega anche che il fratello fosse sempre violento e ossessivo: “Può capitare uno schiaffo in una coppia. Il telefono sotto controllo? E’ capitato una volta perché era geloso, Antonietta era sua moglie”.