La strage di medici e infermieri: quasi 5000 contagiati (9%), più del doppio che in Cina

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Marzo 2020 12:28 | Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2020 12:30
La strage di medici e infermieri: quasi 5000 contagiati (9%), più del doppio che in Cina

Coronavirus, la strage di medici e infermieri (foto Ansa)

ROMA – L’ultimo decesso poche ore fa a Parma, un medico in pensione, che allunga la tragica degli operatori sanitari caduti a causa del Covid-19. Il penultimo stamattina a Cremona, un infettivologo. Una autentica strage di medici e infermieri, con ritmo di contagi più che doppio rispetto a quello cinese.

Manfredo Squeri, medico ospedaliero in pensione, lavorava come medico responsabile del reparto di Medicina alla Casa di cura ‘Piccole Figlie’ di Parma, convenzionata con il Servizio sanitario nazionale. E’ il 19/mo medico in attività deceduto per Covid-19.

Stamattina era morto anche il dottor Leonardo Marchi, medico infettivologo e direttore sanitario della Casa di Cura San Camillo a Cremona.

4824 operatori sanitari contagiati (9% totale)

In Italia, secondo i dati Iss, dall’inizio dell’epidemia sono 4.824 i professionisti sanitari contagiati dal coronavirus, pari al 9% del totale delle persone contagiate, una percentuale più che doppia rispetto a quella cinese dello studio pubblicato su JAMA (3,8%).

La fondazione Gimbe, teme che il dato sia ampiamente sottostimato. Chiede che i test vengano estesi a tutti i professionisti e operatori sanitari e che vegano forniti strumenti di protezione a chi è impegnato in prima linea contro l’emergenza. (fonte Ansa)