Strage Ustica, forse ricorso dello Stato contro risarcimento a vittime

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Giugno 2013 17:20 | Ultimo aggiornamento: 27 Giugno 2013 17:21
Strage Ustica, forse ricorso dello Stato contro risarcimento a vittime

Il Dc9 Itavia (Foto Lapresse)

ROMA – Strage di Ustica, l’Avvocatura dello Stato vorrebbe fare ricorso contro il risarcimento da 1,2 milioni di euro a ciascuno dei familiari di tre vittime. La sentenza contro la quale si valuterebbe il ricorso è quella emessa dalla Corte di Cassazione per cancellare la sentenza con cui è stato dato il via libera definitivo al risarcimento.

Alla base del ricorso il fatto che, secondo l’Avvocatura, la sentenza si fonderebbe su circostanze oggettive errate. L’eventuale revocazione della sentenza comporterebbe un nuovo giudizio davanti alla Suprema Corte.

La sentenza su Ustica, in cui si afferma che a causa la strage fu un missile, è stata emessa dalla terza sezione civile della Cassazione. Con quella sentenza è stata così convalidata per la prima volta, la condanna al risarcimento inflitta dalla Corte di Appello di Palermo, nel giugno 2010, in favore dei parenti di tre vittime che, per primi, hanno intrapreso la causa civile. La stessa azione civile è stata poi seguita da altri ottanta familiari costituitisi in un altro procedimento, sospeso in appello e aggiornato al 2014, per il quale i ministeri dovrebbero pagare altri 110 milioni di euro.

Furono in tutto 81 le vittime del 27 giugno 1980, quando il Dc9 della compagnia Itavia in viaggio da Bologna a Palermo venne abbattuto, di notte, nel basso Tirreno.