Stromboli, esplosioni dal cratere del vulcano. Morto un escursionista, turisti in fuga VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Luglio 2019 18:35 | Ultimo aggiornamento: 3 Luglio 2019 23:26
Stromboli, esplosioni dal cratere del vulcano. Turisti in fuga VIDEO

Stromboli, esplosioni dal cratere del vulcano. Turisti in fuga (Foto Ansa)

STROMBOLI (MESSINA) – Esplosioni a Stromboli, nelle isole Eolie: il cratere del vulcano si è risvegliato. Due trabocchi di lava sono scesi dalla Sciara del fuoco, mentre la caduta di lapilli ha provocato diversi incendi. Un escursionista di 35 anni, Massimo Imbesi, di Milazzo, è morto. Era con un amico brasiliano che è rimasto ferito in maniera non grave. 

Per la paura alcuni turisti si sono buttati in mare. “Vediamo una colonna di fumo nero dal vulcano, abbiamo sentito un boato molto forte, metà dell’isola di Stromboli non si vede”, hanno raccontato dei testimoni da Lipari, isola vicina delle Eolie. 

“C’è stata una potente esplosione. Abbiamo sentito un boato, poi si è alzata una colonna di fumo e lapilli incendiari su Ginostra e fiamme sui costoni del vulcano”, hanno aggiunto altri testimoni. “C’è stata tanta paura, qui la psicosi di uno tsunami come nel 2002 è ancora molto forte”, hanno spiegato altri.

5 x 1000

La sala operativa della Protezione Civile regionale si è subito attivata. I traghetti sono rientrati nel porto e i turisti sono stati fatti risalire sulle barche per lasciare la coste. Elicotteri perlustrano la zona ed il sole è coperto dal fumo.

Per fortuna nessuno è rimasto ferito nelle esplosioni. I vigili del fuoco hanno mandato sull’isola squadre da Lipari per spegnere i vari incendi di sterpaglie che si sono sviluppati e che non hanno coinvolto abitazioni. La guardia costiera è pronta ad evacuare chi volesse lasciare l’isola anche se, è stato sottolineato, non c’è nessun motivo per evacuare l’isola. 

“C’è stata una violentissima esplosione seguita da una pioggia di lapilli incandescenti e materiale lavico. Tutte le persone che si trovavano al villaggio, circa un centinaio tra turisti e residenti, si sono barricate in casa e si sono lanciate in mare. La situazione è critica anche se al momento non ci risultano feriti”. Lo dice all’ANSA Gianluca Giuffrè, giornalista e proprietario di un bazar a Ginostra, la frazione di Stromboli investita dall’esplosione.

“Adesso siamo usciti dalle case – aggiunge Giuffè – anche se fuori c’è una densa nube di fumo e continua a cadere una pioggia di cenere. L’energia elettrica è stata interrotta, forse a causa di un guasto alla centrale. Alcuni turisti si sono precipitati sul molo, dove sta per attraccare l’aliscafo, con l’intenzione di abbandonare l’isola”.

Durante il periodo invernale i residenti a Ginostra sono circa una trentina, compreso Gianluca Giuffrè. Un numero che cresce nel periodo estivo grazie ai numerosi turisti che affollano la frazione di Stromboli, raggiungibile solo via mare. La settimana scorsa a Ginostra si era tenuto uno spettacolo sugli scogli davanti al minuscolo approdo, nell’ambito del Festival del Teatro Eco Logico, dedicato alle donne pescatrici delle isole Eolie, alla presenza di un centinaio di spettatori. (Fonti: Ansa, Agi, Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev)