Stupri Rimini, la vicina di casa dei marocchini: “Io picchiata e derubata. La madre mi minacciò”

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 settembre 2017 12:31 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2017 12:31
STUPRI RIMINI , "LA MADRE MI DISSE TI FACCIO SCOP*** DAI MIEI FIGLI" IL RACCONTO CHOC DELLA VICINA

Stupri Rimini, la vicina di casa dei marocchini: “Io picchiata e derubata. La madre mi minacciò”

RIMINI – “Mi hanno picchiata e derubata, poi la madre mi ha minacciata”. E’ la confessione choc è di Guedaa Khadjia, vicina di casa dei due fratelli marocchini accusati degli stupri di Rimini. Ai microfoni della Zanzara, su Radio 24, la donna ha raccontato l’incubo di vivere accanto a quella famiglia.

Operaia di 43 anni, anche lei di origini marocchine ma da vent’anni residente regolare in Italia, Khadjia racconta: “I ragazzi dello stupro mi hanno picchiato causandomi un trauma cranico e la loro madre mi ha derubato”.

La storia ha inizio nel 2014, spiega Khadjia: “Quando hanno espulso il padre dei ragazzi in Marocco. La moglie è venuta a piangere da me e mi ha chiesto se la potevo aiutare dandole dei soldi per pagare l’avvocato. Glieli ho prestati e ho iniziato a comprarle anche da mangiare. Le ho anche trovato un lavoro come badante ma lei mi ha detto: “Io le palle degli italiani non le pulisco”.

Quando ha smesso di prestarle i soldi “mi ha mandato i figli che mi hanno picchiato. Li ho denunciati e lei mi ha detto ‘o ritiri la denuncia oppure ti faccio scopare dai miei figli“. “Ho paura ad abitare vicino a loro – conclude Khadjia – mi sono venute persino le crisi d’ansia”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other