Stupri Roma/ Per il Gip, le vittime hanno raccontato precisamente come sono avvenuti i fatti

Pubblicato il 14 Luglio 2009 18:30 | Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2009 18:42

Il gip Riccardo Amoroso nell’ordinanza di convalida del fermo di Luca Bianchini, sottolinea che «la modalità delle violenze sessuali sono state descritte dalle vittime in modo preciso e dettagliato. Le vittime hanno riferito di essere state aggredite mentre erano all’interno del garage delle rispettive abitazioni in orario notturno, al rientro a casa, da un uomo con il volto coperto da passamontagna, armato di coltello che le violentava dopo essersi inizialmente masturbato, costringendole a subire l’atto sessuale dopo averle minacciate di morte con il coltello che impugnava e dopo averle immobilizzate e legate con l’uso di nastro isolante e fascette da elettricista».