Bus con le guardie armate. A Brescia, Verona, Salerno…Sos sicurezza

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 novembre 2014 10:38 | Ultimo aggiornamento: 5 novembre 2014 12:22
"Sugli autobus con le guardie armate" a Brescia, Verona, Salerno...Sos sicurezza

“Sugli autobus con le guardie armate” a Brescia, Verona, Salerno…Sos sicurezza

ROMA – Bus con le guardie armate” a Brescia, Verona, Salerno…SOS sicurezza. Liti con il controllore, aggressioni agli autisti, tossicodipendenti incontrollabili, bande di vandali e colpi di fucile sparati contro i mezzi. Da Brescia e Verona fino a Salerno, scoppia l’allarme sicurezza sui mezzi di trasporto pubblici, treni dei pendolari compresi.

Un allarme che in parecchie città ha suggerito la soluzione drastica di fornire una guardia armata a tutela di conducenti e passeggeri. Un allarme che desta l’attenzione generale per i tentativi anche estremi di porre fine all’emergenza ma che riguarda tutte le città italiane comprese le metropoli.

Il bollettino di “guerra” va aggiornato giornalmente. Dopo l’esplosione di colpi di fucile la società Brescia Mobilità ha deciso che a mali estremi si risponde con rimedi adeguati: vigilantes dotati di pistola a bordo.

La decisione di «blindare» gli autobus con forme di vigilanza (armata o no) è già stata adottata a Bergamo, a Verona, a Salerno, sui convogli di Trenord (l’azienda che ha in mano i treni pendolari che vanno e vengono da Milano). Una misura analoga è stata chiesta dai sindacati a Taranto, dove due giorni fa un autista ha subito l’ennesima aggressione, e caldeggiata a Roma dove i dipendenti dell’Atac costretti a farsi medicare in ospedale erano stati 58 nel 2013 e sono diventati 91 nell’anno in corso (dati Federsicurezza). (Claudio Del Frate, Corriere della Sera)

Senza contare che, oltre a garantire la sicurezza, le guardie armate funzionano a meraviglia come deterrente per i passaggi “gratis”: sui mezzi della Sab, l’azienda pubblica di trasporti di Bergamo, dal 15 settembre a ieri ben 500 passeggeri sono stati sorpresi senza biglietto. Un ritorno economico non trascurabile in tempi di crisi.