Suicidio assistito, i medici di Roma: “Non ci atterremo alla sentenza”

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 Settembre 2019 12:36 | Ultimo aggiornamento: 26 Settembre 2019 12:36
Corte Costituzionale

I giudici della Corte Costituzionale (Foto Ansa)

ROMA – “Noi non ci atterremo alla sentenza della Corte Costituzionale. Vengano indicate figure per agire al posto nostro per togliere la vita”: a dirlo, in una intervista al Corriere della Sera, è Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma, il più numeroso d’Europa con 45mila iscritti.

All’indomani della sentenza storica della Consulta, che ha stabilito che non è punibile chi aiuta il suicidio di malati terminali in condizioni estremamente dolorose ma consapevoli come quelle di dj Fabo, Magi prende le distanze e spiega: “Per noi conta il codice deontologico che fra i primi articoli indica il nostro dovere principale, la tutela della vita. Quindi non ci atterremo alla sentenza della Corte che peraltro non ci indica come figure di riferimento per accompagnare alla morte”.

“Per noi – spiega Magi – non cambia assolutamente nulla. Il Codice parla chiaro e all’articolo 17 stabilisce che anche su richiesta del paziente non dobbiamo effettuare né favorire atti finalizzati a procurare la morte”.

Per questo motivo il presidente dell’Ordine dei medici di Roma chiede che “vengano indicate figure per agire al posto nostro per togliere la vita, una figura che rappresenti lo Stato come pubblico ufficiale e che compia un atto contrario alla nostra etica”.

Ricorda che l’obiezione di coscienza “è uno strumento previsto dal nostro Codice. Sulla base della deontologia professionale possiamo sottrarci quando ci vengano imposti atti estranei alle nostre regole. Anzi, abbiamo l’obbligo di declinare e di non sottostare a interessi, imposizioni e condizionamenti di ogni tipo”.

E anzi avverte: “Il nostro obbligo è alleviare in ogni modo la sofferenza ma non è previsto l’atto definitivo, dare morte. Il simbolico stacco della spina lo compia qualcun altro. Il medico se trasgredisce rischia di essere radiato dall’albo”. (Fonte: Il Corriere della Sera)