Sulcis: operai scendono a 373 metri e occupano miniera, “abbiamo l’esplosivo”

Pubblicato il 27 agosto 2012 11:35 | Ultimo aggiornamento: 27 agosto 2012 13:23

CAGLIARI – Protesta degli operai di una miniera nel Sulcis, in Sardegna, un zona che vede anche l’agitazione dei lavoratori dell’Alcoa: con un blitz nella notte tra domenica e lunedì circa 200 minatori della Carbosulcis hanno occupato la miniera di Nuraxi Figus, a Gonnesa, scendendo a 373 metri di profondità e minacciando di avere dell’esplosivo.

L’accesso ai pozzi, secondo quanto riporta l’Unione sarda, è stato bloccato da cumuli di carbone e mezzi meccanici. La protesta è esplosa per convincere il Governo a sbloccare il progetto di rilancio della miniera con la produzione di energia pulita dal carbone attraverso la cattura e lo stoccaggio di co2 nel sottosuolo.

I lavoratori chiedono un intervento rapido dei rappresentanti istituzionali affinché venga fissato un incontro con i leader dei partiti che appoggiano il governo Monti (Alfano, Bersani e Casini). L’obiettivo è quello di indurre l’esecutivo nazionale a dare il via libera al progetto integrato carbone-miniera-centrale elettrica.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other