Sulmona, in carcere detenuto aggredisce con un calcio un poliziotto. I sindacati: “Manca personale”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Gennaio 2022 - 12:47 OLTRE 6 MESI FA
Sulmona, detenuto aggredisce con un calcio un poliziotto. I sindacati: "Manca personale"

Sulmona, detenuto aggredisce con un calcio un poliziotto. I sindacati: “Manca personale” (foto d’archivio Ansa)

Nel carcere di Sulmona un detenuto ha aggredito un poliziotto con un calcio al volto. Il poliziotto ha subito la frattura della regione nasale e per questo è stato costretto a ricorrere all’ospedale per approfondimenti e accertamenti.

La nota del sindacato FP CGIL

Ferma condanna dell’accaduto da parte della FP CGIL che – con Gino Ciampa e Antonino Genovese – esprime incondizionata solidarietà e vicinanza al lavoratore: “Il carcere di Sulmona è già interessato una una significativa ed atavica carenza organica di poliziotti penitenziari e funzionari giuridici-pedagogici, che attualmente consegue delle inequivocabili difficoltà organizzative senza tralasciare che a breve sarà aperto anche un neo padiglione detentivo, con tante incertezze che preoccupano. Da tempo, ormai, assistiamo ad intollerabili escalation di situazioni critiche, in diversi Istituti Penitenziari del Paese, che espongono lavoratrici e lavoratori a seri rischi per la propria incolumità psico-fisica – conclude Giuseppe Merola FP CGIL Abruzzo Molise – Il Governo assumi la consapevolezza di adottare misure necessarie a tutela di tutta la collettività penitenziaria, partendo dagli incrementi organici e di risorse, fino a rafforzare l’esecuzione penale esterna. Serve coraggio e volontà politica”.

Le parole della senatrice Di Girolamo (Movimento 5 Stelle)

“Esprimo la massima solidarietà all’agente di polizia penitenziaria che nella giornata di ieri è stato vigliaccamente aggredito da un detenuto all’interno della Casa di reclusione di Sulmona. Atti di violenza come quello che si è verificato ai danni dell’agente, al quale auguro una pronta guarigione, sono da condannare fermamente e richiedono un tempestivo intervento delle Istituzioni per verificare che le condizioni di lavoro e di sicurezza per il personale, e di vita per i detenuti, siano adeguate agli standard di un paese civile. Soprattutto quando si tratta di un carcere come quello di Sulmona che, essendo di massima sicurezza, presenta condizioni operative sicuramente più difficili e delicate. Da membro del Parlamento e rappresentante del territorio mi sono immediatamente interessata alla vicenda e da interlocuzioni appena avvenute con il Ministero della Giustizia e con la Direzione della Casa di reclusione, ho appreso che, già nella giornata di domani, è stata prevista una visita del Capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria presso l’istituto di pena di Sulmona per un sopralluogo e la verifica delle condizioni della pianta organica. Mentre ringrazio i vertici dell’amministrazione penitenziaria per la pronta risposta, voglio ancora una volta comunicare la mia vicinanza a tutti gli agenti di Polizia penitenziaria impegnati in un difficilissimo compito lavorativo e sociale”.