Tampone di Crisanti: tutti in fila a farlo gratis. Lui dice: facciamoli a pagamento

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Maggio 2020 12:18 | Ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2020 12:20
Tampone di Crisanti: tutti in fila a farlo gratis. Lui dice: facciamoli a pagamento

Tamponi, fila all’ospedale di Padova per quelli gratis del professor Crisanti (Ansa)

ROMA – E’ diventato ormai l'”Ospedale di Crisanti“.

Ogni giorno almeno trecento persone provenienti da tutto il Veneto in fila davanti alle dieci tende allestite di fronte al polo universitario di Padova: qui l’equipe del famoso virologo Andrea Crisanti non regala soldi, piuttosto effettua tamponi per scoprire se sei positivo o meno al coronavirus.

Gratis. Per cui si dice appunto “andare da Crisanti”: ma il famoso virologo ne ha abbastanza, al punto da proporre di continuare a farli, sì, “ma a pagamento”.

Perché farsi tamponare è diventata quasi una moda, forse l’esibizione di uno status, in ogni caso sono diventati larga maggioranza quelli che non ne avevano bisogno ma hanno sentito, irresistibile, il richiamo del tampone gratis.

Che non è gratis per nulla, all’azienda sanitaria costa 30 euro l’uno.

“All’inizio – spiega Annamaria Cattelan, la direttrice delle Malattie infettive, responsabile di questa attività diventata centrale nella gestione dell’emergenza – il 70% era sintomatico, oggi è il 30% ma anche il 20%, il 10%. Si sono invertite le proporzioni”.

“Penso – confida Crisanti al Corriere della Sera – che testare così non abbia molto senso, soprattutto per la spesa.

Bisognerebbe mettere i tamponi a pagamento”.

“In questi giorni vengono molti lavoratori dipendenti – spiega un infermiere che lavora sul campo – Le aziende li mandano qui perché sanno che il controllo è gratuito”. (fonte Corriere della Sera)