Tamponi coronavirus a Malpensa e Linate da giovedì. A Fiumicino attivi da giorni…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Agosto 2020 11:09 | Ultimo aggiornamento: 18 Agosto 2020 11:10
Tamponi coronavirus a Malpensa e Linate da giovedì. A Fiumicino attivi da giorni...

Tamponi coronavirus a Malpensa e Linate da giovedì. A Fiumicino attivi da giorni… (Foto Ansa)

Tamponi coronavirus negli aeroporti milanesi di Malpensa e Linate da giovedì. In ritardo rispetto all’altro scalo italiano principale, ovvero quello di Fiumicino, dove già si fanno da giorni.

Un ritardo sui tamponi coronavirus che sta facendo discutere perché ci sono già 10 mila vacanzieri rientrati e in attesa del test. In aeroporto gli esami partiranno soltanto giovedì in quanto mancano kit e personale. 

Ovviamente sotto accusa per il ritardo nei tamponi finisce la Regione Lombardia. Una differenza nella partenza degli screening tra Fiumicino già operativo e Malpensa attivo solo da giovedì. L’assessore al Welfare lombardo, Giulio Gallera dice: “Noi abbiamo fatto altri screening non solo in aeroporto. Anche a Roma sono residuali e ne hanno fatti 800 sulle oltre 3000 persone che arrivano tutti i giorni”.

E allora, in forte ritardo vista la quantità di persone transitate negli scali milanesi questi giorni, da giovedì saranno finalmente operativi tre gazebo. Serviranno per fare i tamponi a chi torna da Grecia, Spagna, Malta e Croazia.

Inoltre i laboratori regionali aumenteranno la loro capacità di analizzare tamponi. Per arrivare ad avere 6 mila “slot” in più ogni giorno in aggiunta ai 7 mila già attivi per lo screening territoriale.

Come mai così in ritardo?

Gallera quindi spiega ancora: “Noi nei giorni scorsi abbiamo individuato nell’area del comasco dei ragazzi che arrivavano dalla Croazia. Nel milanese quasi la metà dei contagi degli ultimi giorni sono di importazione dai quei paesi ma non solo”.

Il tema degli aeroporti – prosegue – è legato al fatto che i gestori degli aeroporti sono SEA e la sanità aeroportuale è gestita dagli USMAF che è il Ministero della Salute. Noi avevamo chiesto se erano in grado di attivare la realizzazione dei tamponi già dal 14 e di fronte alla loro dichiarazione che non avevano uomini, che non avevano test è chiaro che siamo corsi in soccorso a chi doveva essere principalmente deputato a fare questa attività”.

“Lunedì c’è stata la prima riunione operativa, abbiamo individuato gli spazi e apriremo questi tre tendoni che faranno per otto ore al giorno i tamponi ad alcuni dei passeggeri che sbarcano a Malpensa. A Orio Al Serio, nell’attiguo ospedale di Seriate, i cittadini vanno direttamente senza prenotazione e hanno già fatto 1.500 tamponi”. (Fonte Agi).