Taranto. Carburante in mare: nave trattenuta in porto

Pubblicato il 13 Aprile 2012 10:18 | Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2012 10:30

TARANTO – La Guardia Costiera di Taranto ha disposto che venga trattenuta in porto la motonave panamense ‘East Castle’, dalla quale mercoledi’ sera si e’ verificata una fuoriuscita di oltre 20 tonnellate di carburante durante le operazioni di svuotamento delle acque di zavorra (caricate per bilanciare l’imbarcazione quando è priva di carico).

Intanto, e’ in via di completamento la bonifica nello specchio acqueo del terzo sporgente del porto mercantile, dato in concessione all’Ilva, dove sono al lavoro mezzi della società di bonifica ‘Ecotaras’. Le difficoltà maggiori riguardano l’aspirazione del carburante nel tratto ristretto compreso tra il muro della banchina e la nave.

In mare è finito gasolio denso e pesante e non greggio finito: circostanza, questa, che ha agevolato le operazioni di recupero. La Capitaneria ha redatto un’informativa che sarà consegnata alla procura della Repubblica e contestualmente si procederà alla denuncia dei responsabili della motonave. Dalle ispezioni subacquee non sono emerse falle allo scafo dell’imbarcazione.

Non sono escluse lesioni interne alle tubazioni che mettono in comunicazione i serbatoi del carburante con le casse contenenti l’acqua di zavorra. Ma è probabile che possa essersi trattato di un errore umano nell’apertura delle valvole di svuotamento.